Sei in Archivio

Economia

Crisi: "esplode" la fuga dall'Italia, +30% emigrati nel 2012

06 aprile 2013, 19:41

La crisi ha fatto "esplodere"l'emigrazione italiana, che nel 2012 ha registrato un boom chenon si vedeva da decenni: più 30,1% rispetto all’annoprecedente. Ad andare all’estero sono più uomini che donne,più trentenni e lombardi. La Germania il Paese preferito comepunto d’arrivo.
A rivelarlo sono i dati più recenti dell’Anagrafe dellapopolazione Italiana Residente all’Estero (Aire), resi notidalla trasmissione "Giovani Talenti" di Radio 24 oggi. Lo scorsoanno l’emigrazione dalla Penisola è passata dai 60.635
cittadini del 2011 ai 78.941 del 2012. Gli uomini erano il 56%contro il 44% di donne, e si conferma la preponderanza digiovani: gli emigrati della fascia di età 20-40 anni sonoaumentati in un anno del 28,3%, alimentando quella che vienedefinita "la fuga dei talenti" che nel 2012 ha costituito il44,8% del flusso totale di espatrio.
A livello generale, la Lombardia si rivela la regione chemaggiormente alimenta l’emigrazione: ben 13.156 lombardi hannotrasferito la propria residenza all’estero nel 2012, davanti aiveneti (7456), ai siciliani (7003), ai piemontesi (6134), ailaziali (5952), ai campani (5240), agli emiliano-romagnoli(5030), ai calabresi (4813), ai pugliesi (3978) e ai toscani(3887).
Il 62,4% degli emigrati nel 2012 ha scelto l’Europa comeContinente di destinazione, seguita dall’America Meridionale,l'America Settentrionale e Centrale e l’Asia-Africa-Oceania. PerPaesi, la Germania è la prima meta di destinazione (10.520
italiani l’hanno scelta), seguita da Svizzera (8906), GranBretagna (7520), Francia (7024), Argentina (6404), USA (5210),Brasile (4506), Spagna (3748), Belgio (2317) e Australia (1683).
Sono 2.320.645 gli italiani complessivamente espatriati dalPaese a partire dal primo luglio 1990, quasi 600 mila di  questiappartenevano alla fascia 20-40 anni. Gli italianicomplessivamente residenti all’estero al 31 dicembre 2012
ammontavano a 4.341.156, in crescita di 132.179 unità rispettoall’anno precedente.

© RIPRODUZIONE RISERVATA