Sei in Archivio

Gazzettascuola

Campionato di matematica. E i numeri sono uno spasso

07 aprile 2013, 21:03

Campionato di matematica. E i numeri sono uno spasso

Nicole Fouquè
La matematica si sa non è un’opinione, ma può essere un divertimento. E quale miglior modo di dimostrarlo se non attraverso un gioco? Da quasi 10 anni a Parma ci si diverte tra numeri, equazioni e quesiti di ogni tipo, il tutto attraverso una sfida che decreterà un vincitore. E nella giornata di ieri, al liceo scientifico Marconi sono stati resi noti i nomi di coloro che si parteciperanno nella finale nazionale di Milano dell’11 maggio.
La materia con la quale tutti hanno dovuto fare i conti (nel vero senso della parola) è stata la protagonista dei Campionati matematici 2013, organizzati come ogni anno dall’Università Bocconi di Milano.
Anche nella nostra città questa disciplina riscuote sempre maggior successo, con un numero sempre in aumento nelle iscrizioni: «Quest’anno si festeggiano i 20 anni dalla nascita di questo campionato e Parma risponde sempre con grande entusiasmo a questa gara che unisce la passione per i numeri e il sano spirito della competizione sportiva. - ha spiegato la responsabile dell’iniziativa Barbara Ugolotti, docente del liceo Marconi - L’obiettivo ultimo è quello di riuscire ad arrivare alla finale internazionale di Parigi che si svolgerà ad agosto, ma, nella miglior tradizione decoubertiana: “l’importante è partecipare”».
Alunni di ogni età, suddivisi nelle varie categorie, hanno affrontato i quiz matematici nella semifinale del 16 marzo e ieri mattina hanno conosciuto l’esito delle varie prove. «Per loro è un divertimento e si impegnano con passione e dedizione come quando praticano una disciplina sportiva. - ha proseguito Ugolotti - Sport e matematica camminano su binari paralleli ed è per questo che chiamiamo come ospiti i volti noti dello sport nazionale».
Alla premiazione, oltre al vicesindaco Nicoletta Paci, erano presenti lo storico difensore gialloblù Luigi Apolloni, il pallavolista Giovanni Errichiello e l’arbitro Alberto Michelotti, da sempre promotore di questa manifestazione.
41 i ragazzi che l’11 maggio si daranno battaglia per staccare il biglietto verso Parigi, suddivisi nelle categorie: C1, C2, L1, L2, GP. Tra le scuole con il maggior numero di alunni c’era la Salvo D’Acquisto con 38 studenti, mentre nelle superiori spiccava il Marconi con i suoi 115 alunni, mentre l’Albertelli Newton è la scuola con maggior finalisti, 6. Il preside del liceo Marconi, Antonio
Attanasi, ha voluto concludere la giornata ringraziando i genitori e gli allievi che hanno aderito all’iniziativa e ha
salutato citando Seneca: «Molte cose non osiamo farle perché sono difficili, ma sono difficili perché non osiamo».
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA