Sei in Archivio

Provincia-Emilia

Lo zio Pepo è tornato nella sua Berceto

07 aprile 2013, 20:21

Lo zio Pepo è tornato nella sua Berceto

Stefano Becchetti
Un pizzico di patriottismo ed il calore amorevole della famiglia. Stiamo parlando del soldato Giuseppe Ianelli, nato a Berceto il 3 febbraio 1915, secondo di sette fratelli.
Partì per la leva a Roma e, qui, per la sua corporatura longilinea, fu arruolato tra i Granatieri di Sardegna.
Giuseppe, detto zio Pepo  morì, a causa di una tubercolosi, il 2 settembre 1941 e, da allora, i familiari, a Berceto, non ne seppero più nulla. Non sapevano neanche dove fosse sepolto.
Finché i nipoti stessi (Renato, Renata, Giovanni, Anna e Daniela Zambernardi e Monica Vicari) hanno deciso di fare una ricerca su Internet. La ricerca richiese un po' di tempo e diverse telefonate ma, alla fine, gli sforzi e la determinazione dei nipoti furono  ripagati.
Hanno scoperto che zio Pepo riposava nel cimitero del Verano a Roma, nel sacrario militare.
E' stata una grande gioia, per i nipoti ma anche per i fratelli superstiti (Bruno, Teresa e Pietro), potere finalmente riabbracciare, seppur spiritualmente, il tanto amato Giuseppe, grazie alla preziosa collaborazione fornita dal ministero della Difesa,
 Lo scorso 27 marzo  Giuseppe Ianelli è tornato nella sua Berceto. Alla cerimonia erano presenti il prevosto di Berceto, don Giuseppe Bertozzi, che ha impartito la benedizione alla piccola celletta contenente i resti di Giuseppe,  e diversi familiari.