Sei in Archivio

Sport

Terre Verdiane, un altro acuto

08 aprile 2013, 21:40

Terre Verdiane, un altro acuto

 Franco Ferraguti

Ancora una bella vittoria delle Terre Verdiane molto combattive ed in grado di superare al tie-break il San Casciano. Il girone di ritorno delle biancorosse, ora salite al decimo posto in classifica, diventa a questo punto eccellente. Il confronto con le toscane, durato due ore, è stato molto avvincente e ricco anche di contenuti tecnici. Con Genovesi in tribuna, Marco Botti provava in avvio a rinunciare all’opzione Musiari proponendo un sestetto con Do Carmo opposto a Moncada, Decordi e Fornara al centro ed in banda Manfredini e Rania.
Cominciava subito la partita a scacchi tra le due esperte palleggiatrici Moncada e Giogoli che portava ad una prolungata ed insistita parità. Ci sono voluti gli errori toscani ed una bomba di Rania per favorire il primo allungo verdiano (15 a 11). Le toscane, con Bianchini al servizio, e con l’attacco locale in difficoltà, riagguantavano prima la parità a quota 17 e prendevano d’infilata la difesa biancorossa con un filotto di colpi fortunati che valevano il 25 a 19. Nel secondo set assetto verdiano cambiato con Manfredini opposto, Decordi in banda ed Antignano al centro. Conseguentemente Musiari utilizzabile nel quadro del discorso Under. Dopo l’11 pari firmato da Decordi aumentava la temperatura del match. Un muro di Antignano propiziava il 20 a 18 per le Terre Verdiane che si esaltavano con due ace consecutivi di Decordi che valevano il 23 a 21 presto tramutato in 25 a 21 dalla parallela vincente di Manfredini (7 punti nel parziale) che riportava il discorso in parità. Nel terzo set un muro a uno di Moncada e una pipe di Rania posizionavano le biancorosse sul 6 a 3. Vivendo di rendita su questo allungo le verdiane riuscivano a non farsi più sorpassare dalle toscane impacciate in ricezione e punite dal 25 a 22 stampato dal muro di Fornara.
Il San Casciano, rabbiosamente giocava il tutto per tutto nel quarto set. Arrivava anche ad accumulare un vantaggio di 7 punti (16 a 9), veniva raggiunto sul 21 pari ma col 25 a 23 in proprio favore spingeva la contesa al tie-break.
Nella lotteria finale del quinto set le verdiane, supportate dal tifo del Palaolimpia, non si concedevano però alcuna distrazione, e, dopo l’8 a 3 conquistato di forza da Decordi, arrivava col netto 15 a 7 un’altra bella vittoria, decisa col punto finale di Rania, gran protagonista nel finale con un eloquente 67% in attacco. Lo score del match assegna meritatamente a Manfredini (23 punti e 42% complessivo in attacco) il patentino di top scorer, ma Decordi è nei paraggi con 18 palloni messi per terra.