Sei in Archivio

Quartieri-Frazioni

Tre generazioni e tanta cortesia dietro il bancone

09 aprile 2013, 01:42

Margherita Portelli
Tre generazioni per un bancone. Accade a «La Boiardo», la rivendita di materiali elettrici ed elettrodomestici di stradello San Girolamo, divenuta oramai una piccola istituzione del centro. A Parma l’attività portata avanti dalla famiglia Melley arrivò tra le due guerre, ma la sua storia ha origini ancora più antiche. Memoria storica del negozio è Otello Melley, «capitano» della squadra che comprende anche le figlie Donata e Patrizia, e il nipote Gianmaria, di 24 anni. Con qualche indugio Otello confessa la sua, di età: 80 anni tondi, di cui 61 passati a «La Boiardo».
«Cominciai che non avevo ancora vent’anni, prima avevo fatto il fotoincisore, poi quasi naturalmente presi a lavorare nell’attività dello zio - racconta il commerciante seduto alla sua postazione, dietro la cassa -. Ho passato la vita qui dentro, e sto ancora bene fra i miei ragazzi e in mezzo ai tanti affezionati clienti. Ecco perché a ritirarmi, per il momento, non ci penso proprio». Lampadine, prese elettriche, luci di ogni genere: il negozio pullula di articoli. Otello, ovviamente, li conosce tutti a menadito: «Questo posto non ha segreti per me», dichiara orgoglioso.
Anche la figlia Patrizia ora è un’intenditrice insuperabile: «Ma quando cominciai, nel 1988 - confessa -, non sapevo nemmeno che cosa fosse una ciabatta». Pian piano negli anni si sono uniti allo staff anche Patrizia e Gianmaria, figlio di Donata. «Finita la scuola ho scelto di impegnarmi nell’attività di famiglia - spiega il giovane negoziante -: in fondo qui ci sono cresciuto. Ovviamente sto imparando ancora tantissime cose, ma un poco alla volta, con pazienza, anche io farò miei tutti i segreti di questo mestiere».
L’atmosfera che regna, nella bottega dei Melley, è quella di casa. Scherzi e sorrisi da condividere con gli avventori non mancano mai, e forse sta proprio lì il segreto del successo di questo negozio «superstite»: «Negli ultimi vent’anni abbiamo visto il quartiere cambiare, molte serrande abbassarsi definitivamente, tanti artigiani chiudere - spiega Patrizia -. Noi resistiamo forse perché teniamo determinati articoli che non è facile trovare altrove, e che ci portano clienti non solo dalla città, ma anche dalla provincia e da fuori Parma».
Molti acquirenti, però, a «La Boiardo» li si chiama per nome. Il rapporto di fiducia e la pazienza cortese che accompagna ogni acquisto, infatti, sono una sicurezza in grado di «legare» molti residenti, che da compratori occasionali sono divenuti, nel tempo, veri e propri habitué.