Sei in Archivio

Arte-Cultura

90 artisti per 90 bandiere

09 aprile 2013, 19:46

90 artisti per 90 bandiere

Stefania Provinciali

L a bandiera italiana messaggero di solidarietà. L’iniziativa, a cura di Sandro Parmiggiani, oltre a presentare le opere di novanta artisti, italiani e internazionali, che si sono confrontati sul tema della bandiera italiana, racchiude un obiettivo dal grande valore: costruire a Reggio Emilia un Ospedale della Donna e del Bambino. Le opere sono in mostra fino al 25 aprile nei Chiostri di San Domenico a Reggio Emilia, ed offrono uno spaccato sull’arte contemporanea, espressione di linguaggi e stili diversi, poiché ciascun artista ha avuto libertà d’intervento partendo da una particolare bandiera, scelta tra quelle, donate dal Comune di Reggio Emilia ed esposte nella città del Tricolore in occasione delle celebrazioni del 150° dell’Unità d’Italia. Si va dal tricolore dell’età giacobina e napoleonica alle bandiere dei moti e delle insurrezioni popolari durante il Risorgimento fino a quelle utilizzate, anche di recente, per obiettivi sociali ed etici. Presupposti necessari per accostarsi ad un percorso di indubbio interesse ed a letture capaci di restituire la forza del colore, della costruzione compositiva, del pensiero. Fra gli artisti alcuni sono conosciuti ed apprezzati sul territorio parmense, da Alberto Andreis, ad Alfonso Borghi, Omar Galliani, Nino Migliori, Graziano Pompili, Mauro Staccioli, Attilio Forgioli, Marino Iotti solo per citare alcuni dei nomi. Espressione tutti di una duttilità delle arti che trova riferimento nella scenografia e nel segno (Andreis), nella pittura più densa e materica, frutto del gesto emozionale Borghi), nella scultura forte ed essenziale che conquista lo spazio (Staccioli), nell’ installazione volta a racchiudere i valori della vita (Pompili), nel un segno figurativo improntato ad una realtà interpretata, velata da una forza misteriosa e atemporale (Galliani), in una fotografia che si fa pittura (Migliori), nelle architetture simboliche (Cascella), nelle risonanze emotive del paesaggio dipinto (Forgioli)Nomi vicino a noi ai quali si aggiungono artisti internazionali quali Pat Andrea col suo universo femminile, Assadour, libanese, interprete della geometria e dei suoi segreti rapporti, Hidetoshi Nagasawa, capace di uscire dai confini della scultura nella ricerca ideale della leggerezza della rappresentazione, Medhat Shafik, che chiama a raccolta tutte le potenzialità dei materiali nella costruzione compositiva in un incontro ideale, Tetsuro Shimizu, attento interprete dello spazio e del tempo in un costante flusso pittorico in divenire. Significativi tutti gli altri artisti espressione della storia dell’arte contemporanea, da Bruno Ceccobelli a Lucio Del Pezzo, da Giosetta Fioroni a Marco Gastini, Franco Guerzoni, Emilio Isgrò, Luigi Mainolfi, Nunzio, Claudio Olivieri, Tullio Pericoli, Lucia Pescador, Concetto Pozzati, Ruggero Savinio, Wainer Vaccari, Walter Valentini, William Xerra e tutti gli altri ugualmente significativi.
 
 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA