Sei in Archivio

Economia

I tempi di ristrutturazione

09 aprile 2013, 23:40

I tempi di ristrutturazione

A inizio 2012 ho acquistato  un’abitazione che per me rappresenta la prima casa. Nei primi mesi del 2012 ho richiesto un finanziamento alla banca per ristrutturare tale fabbricato. Devo tener conto di quando mi hanno erogato il finanziamento per capire se l’intervento è agevolabile al 36 oppure al 50%?
D.R.   Parma

Corrado Ghezzi e Daniele Rubini
Per stabilire la corretta data di pagamento al fine di determinare in che periodo di imposta sia possibile usufruire della detrazione per gli interventi di ristrutturazione edilizia, occorre sempre verificare la data in cui è stato effettuato il bonifico relativo alla spesa sostenuta. La data di pagamento risulta essere ancora più importante per gli interventi effettuati dal 26.06.2012 e fino al 30.06.2013. Questo in quanto gli interventi effettuati e pagati in tale periodo godono della detrazione nella misura del 50% su una spesa massima complessiva di euro 96.000 anziché della detrazione del 36% su una spesa massima complessiva di euro 48.000.
Mutuo Risulta essere non rilevante in caso di presenza di un mutuo, richiesto come finanziamento a copertura della spesa da sostenere, la data di accredito della somma richiesta sul conto corrente del contribuente. Anche se il contribuente di fatto ripartisce l’onere finanziario su più periodi di imposta il momento dell’investimento e l’ammontare della detrazione si determina mediante la data del bonifico effettuato per pagare le spese e non quella del rimborso alla banca.
Il bonifico bancario o postale deve necessariamente contenere:
la causale del versamento;
il codice fiscale del soggetto che effettua il pagamento;
il codice fiscale o numero di partita Iva del beneficiario del pagamento;
 il corretto  riferimento normativo al fine di permettere alla banca o all’ufficio postale di applicare la ritenuta.
Le spese che non è possibile pagare con bonifico, tra cui  ad esempio gli oneri di occupazione suolo pubblico,  possono essere pagate con altre modalità. Nel caso in cui siano presenti più soggetti che sostengono la spesa e tutti intendono fruire della detrazione, il bonifico deve riportare il numero di codice fiscale di tutte le  persone interessate al beneficio fiscale. Per l'agevolazione fiscale l'anno d'inizio della detrazione coincide con quello del bonifico bancario all'impresa anche se i lavori proseguiranno per più anni.
Finanziamento bancario Nel caso in cui si utilizzasse un finanziamento bancario  il pagamento delle spese (tramite bonifico con le consuete causali) viene effettuato direttamente dal contribuente, dopo aver ricevuto i soldi dalla banca. Il contratto di mutuo con la banca viene solamente utilizzato per  ottenere l’anticipazione della somma necessaria per pagare l'intervento edilizio, obbligando il cliente alla restituzione della stessa alla banca, in base alle condizioni e alle modalità pattuite.
Tramite finanziaria  Nel caso, invece, in cui si utilizzasse una finanziaria, e fosse quest’ultima a pagare l’intervento di ristrutturazione alla ditta che esegue i lavori l’Agenzia delle entrate  ha chiarito che l'agevolazione è rilevante nell'anno del pagamento della spesa da parte della finanziaria se questo avviene tramite bonifico bancario, o postale, dal quale risulti nella causale il nome e il codice fiscale del soggetto per conto del quale viene eseguito il pagamento, con gli estremi della legge agevolativa, e sempre che l'importo indicato corrisponda a quello della fattura emessa dalla ditta che effettua i lavori nei confronti del cliente. Se il pagamento avviene con il bonifico, l'anno di sostenimento della spesa è quello di effettuazione del bonifico da parte della finanziaria alla ditta che effettua i lavori.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA