Sei in Archivio

Economia

Eridania, ecco l'"impronta di carbonio"

10 aprile 2013, 13:19

Eridania, ecco l'

Mara Troni
Eridania Sadam, realtà produttiva che fa capo al Gruppo Maccaferri di Bologna, proprietaria dello zuccherificio di San Quirico, ha realizzato l’analisi dell’impronta di carbonio nel ciclo di vita dello zucchero. Eridania Sadam è l’unico zuccherificio presente nell’elenco che racchiude le ventidue aziende assegnatarie del finanziamento pubblico destinato al calcolo dell’impronta di carbonio per i prodotti di largo consumo. Scopo del progetto è quello di individuare misure per ridurre le emissioni dei gas responsabili dei mutamenti climatici a partire dalla produzione delle materie prime fino allo smaltimento degli imballaggi.
«Si tratta di un altro tassello della nostra politica ambientale – ha precisato Daniele Bragaglia, direttore generale del gruppo - che è da sempre orientata a ridurre l’impatto ambientale dei prodotti e dei processi di filiera, tramite continui miglioramenti tecnologici».
Il progetto è co-finanziato dal Ministero dell’ambiente con uno stanziamento complessivo di 1,6 milioni di euro.  Con la consulenza tecnica di Ecoinnovazione, agenzia nazionale per le nuove tecnologie che fa capo ad Enea, è stata fatta l’analisi del ciclo di vita dello zucchero Zeffiro confezionato per la vendita al dettaglio e sfuso per l’industria secondo lo standard ISO 14040 e ISO 14044. Dall’analisi è emerso che per produrre un chilogrammo di Zefiro vengono emessi 1,31 kg di anidride carbonica e che il contributo più significativo (69%) si ha nella fase di trasformazione industriale della barbabietola.
Partendo dai risultati emersi, Eridania Sadam ha elaborato la Dichiarazione ambientale di prodotto (Dap), in modo da garantire una completa e corretta informazione aziendale.
La Dap è uno strumento volontario che fornisce informazioni quantitative in merito ai rifiuti prodotti e alle risorse energetiche e materiali necessarie per la produzione di 1 kg di zucchero confezionato (unità di riferimento).
La Dap, che  prevede una certificazione da parte di un organismo indipendente, sarà disponibile sul sito internet www.environdec.com.