Sei in Archivio

Spettacoli

Film recensioni - Il volto di un'altra

13 aprile 2013, 22:28

Film recensioni - Il volto di un'altra

C'è l’Italia ossessionata dalla bellezza, che ha il culto osceno della perfezione, il Paese cinico e meschino che brucia le sue mille maschere nel falò della vanità incollando il naso a schermi piatti dove la tragedia ha sempre l’onore della diretta: affamata di successo e visibilità, inutilmente a caccia dell’eterna giovinezza, perennemente schiava del desiderio proibito di essere altro da sé. C'è tutto questo nella favola surreale e grottesca di Pappi Corsicato, autore di un cinema «differente» che stavolta però attinge a un’attualità nata già vecchia, passata al frullatore di uno stile sempre troppo esibito. Perché sì, la giocosa riflessione sul contemporaneo del regista napoletano è una satira, per quanto bizzarra, piuttosto facile e già parecchio vista, che mette alla berlina chirurgia estetica e spettacolarizzazione mediatica mescolando in maniera arruffata Almodovar, Cukor e Frankenstein, nella speranza vana che l’ambientazione tirolese alla Heidi e gli stravaganti tocchi metafilmici diano spessore a un’ironia in realtà balbettante. Storia di una conduttrice tv che per rilanciare la sua immagine decide di fare finta di essere rimasta sfigurata in un incidente, «Il volto di un’altra» scatena il siliconato circo della superficialità: ma a differenza della protagonista Laura Chiatti, che giura che donerebbe un rene pur di non rinunciare ai tacchi, il film fatica a stare in piedi anche quando indossa le ballerine. F. Mol.
Giudizio: 2/5

SCHEDA
REGIA: PAPPI CORSICATO
SCENEGGIATURA: PAPPI CORSICATO, DANIELE ORLANDO, MONICA RAMETTA, GIANNI ROMOLI
INTERPRETI: LAURA CHIATTI, ALESSANDRO PREZIOSI, LINO GUANCIALE, IAIA FORTE, ELISA DI EUSANIO
Italia 2012, colore e b/n, 1 h e 24'
GENERE: COMMEDIA
DOVE: THE SPACE CINECITY CAMPUS