Sei in Archivio

Spettacoli

Film recensioni - Tutto parla di te

13 aprile 2013, 22:27

Film recensioni - Tutto parla di te

Michele Ossani

È bello quando in un film originalità tematica e innovazione stilistica si fondono, portando a risultati notevoli e insoliti nel panorama del cinema italiano. È quello che accade in «Tutto parla di te», con cui Alina Marazzi, dopo apprezzati e premiati documentari, si cimenta per la prima volta con il lungometraggio di finzione. È una storia sulla maternità vista sotto una luce diversa: non solo come fonte di gioia per la donna, ma anche causa di disorientamento e paura, di sentimenti contrastanti e dolorosi. L’etologa Pauline (un’intensa e al solito magnetica Charlotte Rampling) torna a Torino dopo molti anni e si reca a compiere studi e ricerche in un centro di aiuto alle giovani madri gestito da una sua amica. Qui conosce la giovane Emma (bella, nervosa prova di Elena Radonicich), una ballerina vittima di una depressione post partum. Nella sua vicenda Pauline rivive episodi analoghi del suo passato: decide così di aiutarla ad accettare la sua nuova identità di madre. Alina Marazzi (che domani sera sarà al cinema Edison a presentare il film) affronta le contraddizioni e i lati oscuri della maternità in un’opera in cui realtà e finzione si mescolano e raggiungono un punto d’incontro. Alla linea narrativa principale s’intrecciano materiali tipici di un documentario come interviste, foto d’epoca, filmati d’archivio in bianco e nero. Ci sono persino sequenze d’animazione in stop motion, create con estro da Beatrice Pucci, che costituiscono uno dei momenti più alti. Questo stile con una forte connotazione d’autore sa però anche essere delicato e poetico nell’indagare un argomento difficile, spesso trascurato dal cinema, trovando così una via per coinvolgere emotivamente.
Giudizio: 3/5

SCHEDA
REGIA: ALINA MARAZZI
SCENEGGIATURA:  ALINA MARAZZI E DARIO ZONTA, con la collaborazione di DANIELA PERSICO
INTERPRETI: CHARLOTTE RAMPLING, ELENA RADONICICH, VALERIO BINASCO, MARIA GRAZIA MANDRUZZATO
GENERE:  DRAMMATICO
Ita/Svi, 2012, Colore e b/n 1 h e 23'
DOVE: EDISON