Sei in Archivio

Parma

Tragico schianto in tangenziale - Eduardo, che sognava di tornare in Perù da medico

13 aprile 2013, 10:38

Tragico schianto in tangenziale - Eduardo, che sognava di tornare in Perù da medico

Mara Varoli

Era bello Carlos Eduardo Conde Paitanmala: lo sguardo profondo della sua terra. Ventisei anni e un sogno, quello di tornare un giorno a casa, in Perù. Magari con la laurea in Medicina in tasca. E' arrivato a Parma per raggiungere mamma Hedy. Aveva 17 anni allora e non perdeva tempo: «Da subito si è messo a studiare e a lavorare. Così si era iscritto al corso serale all'istituto Giordani: è sempre stato molto bravo a scuola. Allo stesso modo sul lavoro: un ragazzo serio e affettuoso. E non so se sua madre avrà mai pace». Zia Lidia parla lentamente, incredula e scioccata dalla scomparsa del «piccolo» di famiglia. Piccolo ma forte dentro, con tante battaglie vinte. E altre ancora tutte da vincere. (...) Viveva con la madre, in piazzale Maestri, ospiti della famiglia dove Hedy fa la badante: «Un ragazzo straordinario, al quale tutti noi eravamo legati. E ha sempre lavorato e studiato proprio per non essere mai di peso alla mamma», dice commossa la padrona di casa. Un ragazzo sportivo, che amava il ciclismo, in particolare quello da cross, e che non si staccava mai dal suo computer. ....L'articolo completo sulla Gazzetta di Parma in edicola

LA CRONACA DI IERI

Ancora sangue sulle nostre strade. Questa mattina alle 5 un giovane ha perso la vita in tangenziale nord, poche centinaia di metri dopo lo svincolo di via Emilio Lepido sulla carreggiata che va in direzione ovest.

Lo scontro ha coinvolto una Lancia Y ed un furgone Ducato. E le conseguenze peggiori sono toccate ad un giovane che viaggiava sull'auto. Ferite meno gravi per le altre persone coinvolte.

Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco e i mezzi del 118. I rilevi dell'incidente sono stati eseguiti dalla Polstrada di Fidenza.

La vittima è Carlos Eduardo Conde Paitanmala, ragazzo peruviano 26enne residente in città. L’incidente è avvenuto proprio nel punto in cui inizia il restringimento della carreggiata per il cantiere.

 Sangue sulle strade: un mese funestato da diverse tragedie