Sei in Archivio

Arte-Cultura

Yoko Ono compie 80 anni e torna a scrivere versi

13 aprile 2013, 13:36

Yoko Ono compie 80 anni e torna a scrivere versi

Alessandra Baldini
 A 80 anni un ritorno alla poesia: mezzo secolo dopo «Grapefruit», il suo libro di «versi educativi» definito da alcuni critici «uno dei più importanti monumenti creativi dell’inizio degli anni Sessanta», Yoko Ono ha pronto un sequel intitolato «Acorn» («Ghianda»). Pubblicato dalla piccola casa editrice indipendente OR Book, non il colosso Simon and Schuster dove la vedova di John Lennon diede alle stampe «Grapefruit», «Acorn» è una estensione dei «fili intricati» tessuti da Yoko nel primo libro di «istruzioni e disegni» messo insieme nel 1964. «E' la quintessenza di Yoko», ha detto l’editore Colin Robinson: «Pieno di esercizi surreali che invitano il lettore a scoprire verità profonde e spesso complesse attraverso parole e immagini spesso giocose e accessibili».  Ono aveva creato Acorn originariamente per il Web: «Per cento giorni veniva comunicata una diversa istruzione. Adesso è diventato un libro».
OR è una scelta singolare: una casa editrice altamente selettiva che pubblica uno o due libri al mese solo su richiesta dei lettori sia in formato ebook che su carta.
Tra i titoli recenti c'è Cypherpunks di Julian Assange, una ragione che, secondo Robinson, potrebbe aver portato a bordo la vedova di Lennon, una ammiratrice del fondatore di Wikileaks.
Un assaggio di Acorn è nel brano «Line Talk»: «Una linea è a) un cerchio malato b) una parola srotolata c) un punto aggressivo d) quel che vuoi cancellare e) quel che rimpiangi dopo che l’hai buttato via». In Life Piece IX, Yoko propone: «Prendi un pezzo di gomma delle dimensioni di un palmo di mano/ Immagina di stendere la gomma/ per coprire il mondo/ Vedi quanto puoi coprire/ Appendi la gomma/ sulla parete accanto al tuo letto».
In un altro passo del libro Ono suggerisce di «camminare da dove vivi a dove vive il tuo amico. Fai attenzione alle svolte e ai panorami che vedi mentre cammini. Torna indietro per la stessa strada. Fai attenzione alle svolte e ai panorami che vede il tuo amico quando viene a trovare te».
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA