Sei in Archivio

Provincia-Emilia

Fidenza - Sulle strade più controlli e meno violazioni

15 aprile 2013, 01:49

Più controlli, meno violazioni: i risultati dell’anno 2012. Il primo: la significativa riduzione degli incidenti stradali, del numero di sinistri con feriti e con esito mortale. Il secondo: la diminuzione delle sanzioni. Il comandante della Polizia Municipale delle Terre Verdiane, Luciano Soranno, si è dichiarato soddisfatto dei risultati raggiunti.
«Mi riferisco all’attività sanzionatoria che è diminuita significativamente, ma soprattutto penso al dato degli incidenti stradali rilevati nell’anno 2012, risultato in forte calo, sia rispetto al numero, che ai feriti ed ai decessi. Gli incidenti stradali rilevati dalla Polizia Municipale delle Terre Verdiane sono passati, infatti, dai 446 del 2010 ai 431 del 2011, ai 364 del 2012. Non si può parlare di dati incoraggianti quando ancora oggi si muore sulla strada, tuttavia una riduzione così importante dell’incidentalità nel territorio dell’Unione testimoniata dai dati - seppur riferiti al solo organo di polizia locale – presuppone una maggior consapevolezza dei rischi da parte degli utenti e una più qualificata presenza degli operatori della polizia municipale sulla strada. Anche l'attività sanzionatoria è risultata in calo. Valutazioni duplici accompagnano anche l’analisi dei dati dell’attività sanzionatoria. In sintesi: più controlli significa meno violazioni. I servizi di visibilità svolti in tutti i Comuni dell’Unione, anche nella fascia pre-serale, confidiamo possano aver contribuito a disincentivare azioni illegali, a danno del patrimonio e della collettività».
Soddisfazione è stafa espressa anche dal presidente Utv, Salvatore Iaconi Farina. «I dati indicano chiaramente come i controlli preventivi siano aumentati e al contempo siano diminuiti le sanzioni e gli incidenti nel territorio dell'Unione Terre Verdiane. Il grande impegno del Corpo Unico di Polizia municipale Utv è quello di puntare su una forte sinergia e collaborazione con le altre Forze dell'ordine, condividendo i dati raccolti. Da parte nostra c'è piena volontà di costruire politiche di sicurezza e vivibilità vicine ai cittadini: occorre l'impegno di tutti».