Sei in Archivio

Tech zone

La posta di Google cambia faccia: arrivano i messaggi pop-up

16 aprile 2013, 17:23

La posta di Google cambia faccia: arrivano i messaggi pop-up

Non tutti i cambiamenti vengono accolti subito con favore. Sotto la graticola in questi giorni è finita l’interfaccia introdotta da Gmail (mail.google.com) che, dopo alcuni mesi di sperimentazione, ha allargato adesso all’intera lista di utenti iscritti al popolare servizio gratuito di posta elettronica firmato Google un nuovo sistema per la composizione dei messaggi. Ora viene gestito tutto tramite finestre a comparsa, di tipo pop-up, un po' come nelle chat. Secondo i promotori si guadagna in flessibilità e rapidità, grazie alla caratteristica di tenere sempre aperta e ben visibile la cartella dei messaggi in arrivo anche mentre si scrivono non una, ma più email. In qualsiasi istante è inoltre possibile ridurre a icona le bozze, passando da una conversazione all’altra per riprendere il discorso in un secondo momento.
La scelta dei termini non è casuale: dietro questa piccola rivoluzione, che strizza l’occhio ai touchscreen, si coglie la volontà di avvicinare Gmail, già dalla grafica, poi nelle funzioni, ad altri strumenti di comunicazione che oggi vanno per la maggiore, come i social network, dove gli scambi corrono veloci, all’insegna di un dialogo in tempo reale. L’aggiunta più interessante è però forse l’opzione che permette, dal menu + con cui di solito si caricano gli allegati, di selezionare la facoltà di condividere, per mezzo di un link automatico in coda al messaggio, file di grandi dimensioni conservati per l’occasione in Google drive (drive.google.com), l’hard disk virtuale di Google (5 GB di spazio gratuito).
Chi non digerisse la novità può scegliere – non si sa fino a quando – di ripristinare le impostazioni precedenti: cliccando su «scrivi» e, successivamente, dal menu «altro» accanto al pulsante «elimina» nell’angolo inferiore della finestra dell’email, sulla voce «torna alla vecchia interfaccia di composizione». R. A.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA