Sei in Archivio

Parma

Testimonianza da Boston - Scampato pericolo per Teresa Davoli: "Ma ho avuto paura"

16 aprile 2013, 20:19

Testimonianza da Boston - Scampato pericolo per Teresa Davoli:

Era andata a vedere l'arrivo delle prime atlete della maratona di Boston, attorno a mezzogiorno. Poi Teresa Davoli è tornata al lavoro. E quando verso le 15 sono scoppiate le bombe, si è resa conto dello scampato pericolo: «Ho avuto paura», spiega a Gazzettadiparma.it.
Teresa è originaria di Reggio Emilia, ha vissuto a Parma quando studiava alle superiori, per poi intraprendere una brillante carriera universitaria. Dopo il dottorato in Biologia Molecolare alla Rockfeller University, ha iniziato il “post-doc” a Boston.
«Sono andata con un collega a vedere l'arrivo dei primi atleti professionisti fra le 11,30 e mezzogiorno - spiega -. Per evitare la ressa non ero vicino al traguardo ma in un punto a circa un chilometro di distanza. Rispetto alla maratona di New York il dispiegamento della security era meno imponente. Poi sono tornata al lavoro».
E' lì, nel Campus in cui si trovano i laboratori, che ha appreso delle esplosioni. Alcuni feriti, inoltre, sono stati portati anche all'ospedale del Campus, il Brigham Women Hospital. «E' scattato il codice Amber phase 2, per l'arrivo di molti feriti, poi rientrato in serata».
A Boston, la maratona è un evento molto sentito e finora si pensava che fosse abbastanza tranquilla. La città è sotto shock: «La paura e la tristezza sono forti», conferma Teresa. A.V.

© RIPRODUZIONE RISERVATA