Sei in Archivio

Provincia-Emilia

Salso - Nel Pdl la frattura non è sanata

18 aprile 2013, 01:24

Salso - Nel Pdl la frattura non è sanata

A dieci giorni dalla scadenza del termine per la presentazione delle liste, lo scenario del centrodestra salsese rimane molto confuso. Per ora, l’unica candidatura certa è quella di Gaetana Russo, sostenuta dalla lista civica Scelta unica e da Fratelli d’Italia.
Il Pdl, invece, è spaccato in almeno due parti e la recente riunione del coordinamento provinciale non ha portato a nessuna decisione. Da un lato il delegato comunale Lupo Barral, possibile candidato sindaco, ha posto come punto fermo il fatto che porre fine l’esperienza della giunta Carancini è stato giusto. Su questa linea, che, salvo improbabili sorprese, è quella del coordinamento provinciale, potrebbero convergere altri partiti come La Destra, mentre non è chiaro cosa farà l’Udc.
 Contrapposto a Barral, Luca Musile Tanzi, che si è detto disponibile a candidarsi, riaprendo all’alleato Lega Nord, ma a condizione di non collaborare con chi ha sfiduciato Carancini. Sempre nel Pdl, anche Isabella Pezzani, una delle «registe» della caduta dell’amministrazione precedente, si è detta disponibile a candidarsi. Inoltre, nei giorni scorsi era emerso il nome di Paola Pioli, nota  professionista salsese, come candidatura civica attorno alla quale riunire buona  parte del centrodestra. La stessa Pioli, contattata dalla «Gazzetta», ha dichiarato però di «non essere in gioco». Infine, c’è la Lega, che da tempo ha annunciato l’intenzione di correre da sola, escludendo il nome di Carancini. A. C.