Sei in Archivio

Spettacoli

Un fiume di emozioni scorre nelle mani di Giovanni Allevi

18 aprile 2013, 15:03

Un fiume di emozioni scorre nelle mani di Giovanni Allevi

Manuela Boselli

In un concerto di Giovanni Allevi c’è un aspetto da tenere presente: non sono i testi a parlare, ma le note e ognuna di esse ha qualcosa da dire. E’ impossibile sfuggire anche solo ad una di queste, perché - e chi ama Allevi lo sa - il compositore è capace di inseguire e sviscerare anche l’emozione più nascosta che ognuno custodisce dentro sé e che talvolta non sa nemmeno di poter provare.

Il genio dal ricciolo incolto e dalle mani ondeggianti che sa tradurre forti emozioni in musica attraverso lo spartito, si è mostrato grato e appagato di fronte al pubblico del Teatro Regio che ha fatto registrare il sold out della tappa parmigiana del «Piano Solo Tour 2013» (evento realizzato grazie a Caos Organizzazione Spettacoli in collaborazione con Arci Parma».
Col suo modo di fare un po’ impacciato, esprimendosi a bassa voce tra un brano e l’altro, ha accompagnato per mano il pubblico in un percorso interiore di gioia, malinconia, sussulti e riflessioni. Con una ricca scaletta Allevi è riuscito a divertire fin dal principio.,,,,,Articolo completo sulla Gazzetta di Parma in edicola 

(FOTO MELEGARI)

© RIPRODUZIONE RISERVATA