Sei in Archivio

Italia-Mondo

Quirinale: quarto scrutinio senza Pdl e Lega. Berlusconi attacca Bersani: "Sconcertato da Prodi, Pd inaffidabile"

19 aprile 2013, 17:41

Quirinale: quarto scrutinio senza Pdl e Lega. Berlusconi attacca Bersani:

Berlusconi -  «Oggi abbiamo appreso con sconcerto la candidatura di Prodi indicata da Bersani. È stato sacrificato il valore superiore della rappresentanza di tutti gli italiani nell’esclusivo interesse del Pd’'. Lo afferma Silvio Berlusconi alla riunione dei gruppi del Pdl in corso alla Camera.

Pdl e Lega hanno annucniato di non voler partecipare alla quarta votazione.

Grillo - «Troppo colto? Troppo indipendente? Troppo onesto? Troppo popolare? Troppo presidente di tutti? Troppo pericoloso per i processi di Berlusconi? Troppo intransigente verso scandali come MPS? Io vorrei una risposta da Bersani, non lo capisco, non riesco a capacitarmi del fatto che il suo partito non voti Rodotà. Proviene dalla sua area politica. È un uomo integerrimo». Lo scrive il leader del M5S, Beppe Grillo, rivolgendosi al segretario del Pd.

«Se votato da Pd, Sel e M5S dal quarto turno avrebbe la maggioranza necessaria per essere eletto. Perchè no? Bersani questo lo devi spiegare al Paese. Perchè no? Se non c'è un motivo allora significa che ci sono dei motivi inconfessabili. Perchè no Bersani?», aggiunge Grillo.

«Perchè il no inflessibile a Rodotà da parte di Bersani? E' una bella domanda. Un quesito a cui non c'è risposta, della serie chi siamo? dove andiamo? esiste l’intelligenza sugli altri pianeti e nel pdmenoelle? – continua il blogger genovese – Ieri notte i gloriosi resti dello «squadrone» (copyright Bersani) si sono riuniti per valutare una rosa di nomi. Si dice che abbiano spaziato da D’Alema a Amato, da Mattarella a un Marini redivivo, a Prodi, gli unici esclusi sono stati Renzi, il sindaco fantasma di Firenze, per motivi di età, Berlusconi perchè ufficialmente di un altro partito e Stefano Rodotà per motivi sconosciuti, forse perchè non corruttibile. Un peccato mortale in politica. Il suo curriculum è di tutto rispetto».

© RIPRODUZIONE RISERVATA