Sei in Archivio

Provincia-Emilia

Il presidente regionale dei geologi a Tizzano: "Una frana impressionante" Emergenza a Sauna: preallerta evacuazione per una stalla. E la frana spinge sulle case

20 aprile 2013, 15:24

Il presidente regionale dei geologi a Tizzano:

CORNIGLIO - Nel giorno in cui ritorna l'incubo della pioggia, Il fronte dell'emergenza si sposta da Tizzano a Corniglio. L'osservata speciale oggi e' la frazione di Sauna, dove la grande frana spinge sull'abitato. E' li' che sono arrivati tecnici del consorzio di bonifica e molti volontari della protezione civile e si sta decidendo l'evacuazione di una stalla che ospita un centinaio di bovini. Tre famiglie che abitano in tre case a rischio stanotte per precauzione dormiranno via.
 

TIZZANO - «A Tizzano c'è una frana enorme di 20 milioni di metri cubi. Il sindaco è un geologo e la sua formazione, la sua comprensione del territorio e del fenomeno che si stava palesando hanno consentito di salvare alcune vite grazie all’evacuazione di un’area in cui due case ed un capannone sono crollati nel giro di poche ore. Il sindaco sta inoltre analizzando la situazione della viabilità che al momento è fortemente compromessa. Delle tre arterie che conducono a Capriglio, due sono bloccate per frana e quella che ho percorso con lui è interessata da importanti dissesti» . E' la cronaca di Gabriele Cesari, presidente dell’Ordine dei Geologi dell’Emilia-Romagna che sta compiendo un giro sui luoghi drammaticamente colpiti dal dissesto idrogeologico.

«A Tizzano la situazione è impressionante – ha proseguito Cesari – e sindaco ed abitanti hanno la paura di essere abbandonati dalle istituzioni. A quel comune, così come a tutte le Istituzioni coinvolte, abbiamo portato la solidarietà e la disponibilità dei numerosi geologi che sono già pronti a collaborare, soprattutto nelle situazioni minori che ora non sono monitorate, ma che possono aggravarsi. Una deroga al patto di stabilità attiverebbe immediatamente risorse almeno per le verifiche tecniche, i monitoraggi, le opere di pronto intervento».
 
La situazione frane è «pesante in tutta l’Emilia-Romagna - ha continuato Cesari – perchè praticamente sono interessate tutte le province emiliane. È come se le frane quiescenti si fossero risvegliate tutte contemporaneamente, interessando anche nuovi territori, a conferma dell’attenzione che occorre prestare a questi versanti giudicati stabili solo da chi non ne conosce a fondo le caratteristiche. Nel bolognese la frana maggiore è quella di San Benedetto Val di Sambro, che interessa anche il comune di Monghidoro ed il versante toscano. Varie abitazioni distrutte, strade interrotte e abitati isolati. Altre situazioni rilevanti a Camugnano e Vergato. In provincia di Modena la frana peggiore attualmente sembra essere quella di Lama Mocogno, mentre in provincia di Piacenza abbiamo diversi fenomeni franosi di importanza variabile, con la situazione peggiore a Travo dove le frane hanno interrotto diverse strade e alcune frazioni sono isolate. Reggio Emilia e Parma sono le province più colpite per numero di frane e per disagi alle strutture ed infrastrutture».
Commenta Gian Vito Graziano, presidente del Consiglio Nazionale dei Geologi: «Abbiamo richiamato più volte e con forza l’attenzione della politica alle problematiche connesse alle calamità naturali. Il territorio è fortemente malato, mentre noi restiamo in attesa di risposte concrete».

 Appennino a rischio: il bollettino delle frane

 Guarda la mappa interattiva

  TG PARMA - Summit a Langhirano - Lasagnana non è più isolata