Sei in Archivio

Parma

Libreria Ubik: da oggi la rassegna Pagine antifasciste

20 aprile 2013, 19:23

Si avvicina l’anniversario della Liberazione, e nella libreria Ubik di piazza Ghiaia prende il via la rassegna "Pagine antifasciste. Tre appuntamenti tra Storia e Letteratura". Sabato 20 aprile, alle 18.30, il primo incontro: Andrea Cabassi presenterà "Manifattura Tabacchi 1948. Emilio Lussu e mio padre", un libro che racconta la battaglia politica e la vita privata di un personaggio dell’antifascismo italiano. Emilio Lussu fu scrittore e politico, diede vita al movimento politico “Giustizia e libertà”, combatté in Spagna contro il franchismo e si oppose a Mussolini. Nel libro "Manifattura Tabacchi 1948", Cabassi dà voce ai rimpianti, alle amarezze, ai momenti di scoramento e all’incrollabile forza combattiva di un uomo che <mai baratterà i propri ideali per un’oncia di effimero consenso>. L’incontro sarà moderato dalla giornalista collaboratrice della Gazzetta di Parma Claudia Patrizi, con un’introduzione dell’avvocato Andrea Marvasi, fondatore della casa editrice Fedelo's e di William Gambetta, anima del centro studi movimenti di Parma. 

Il secondo incontro si terrà il 27 aprile, alle 18.30. Fra gli scaffali di libri in piazza Ghiaia, all’ombra del palazzo Medioli, parlerà con il pubblico Saverio Ferrari, autore di “Fascisti a Milano. Da ordine nuovo a Cuore nero”.  Sarà uno sguardo sull’antifascismo degli anni ’70, in Italia e a Parma, introdotto dal ricercatore Michele Poluttri e condotto dal giornalista Salvo Taranto. Il terzo e ultimo incontro sarà il 3 maggio alle 18.30, con Marcello Fois, finalista del Premio Strega e del Campiello 2012. Lo scrittore presenterà “Nel tempo di mezzo”, assieme ad Antonio Pirisi, presidente dell’associazione Grazia Deledda, ed alla firma della <Gazzetta> Chiara Cacciani. La rassegna è stata voluta per dalla libreria Ubik, dall'Associazione Culturale "Grazia Deledda" e dal Centro Studi Movimenti, per compiere, assieme a scrittori, giornalisti e storici, un "recupero" della Memoria Storica.
 
Enrico Gotti

© RIPRODUZIONE RISERVATA