Sei in Archivio

Parma

Parma per due giorni capitale dei social media

20 aprile 2013, 19:42

Parma per due giorni capitale dei social media

 Aurora Patera

Cosa spinge Veronica Rizzoli, blogger di viaggi quasi trentenne, a venire da Trento a Parma in bicicletta? 
Gli SQcuola di Blog Awards, proprio con la 'q', maratona nostrana di social media organizzata da LEN Formazione, che ogni sei mesi trascina in città per un weekend un centinaio di professionisti del social. L’evento è trasmesso in diretta su twitter, attraverso l’hashtag SDBawards. Un hashtag è una particolare parola chiave che permette di svolgere ricerche e seguire discussioni sul social network dei 140 caratteri.
La prima giornata, dedicata al rapporto fra aziende e comunicazione online, si apre con l’introduzione del preside della SQcuola, Andrea Alfieri: «I social media sono entrati in azienda e non è questione di una scelta aziendale, ma un dato di fatto. Le aziende hanno bisogno di qualcuno che sappia gestire per conto loro questi strumenti». 
Si tratta di un bisogno confermato dai dati: secondo una ricerca di Andrea Albanese, del Politecnico di Milano, condotta su 2880 aziende, il 35% di loro ancora non ha deciso come sfruttare le opportunità fornite dai social network. Come destreggiarsi però nella giungla di professionisti della formazione e della comunicazione autoproclamati e spesso non qualificati? Il tema è spinoso: «L'offerta formativa nei social» spiega Massimo Zilioli di LEN «è come un treno che viaggia senza la stazione di controllo dell’efficacia». 
Dall’altro lato della barricata, sorge il problema di spiegare il social media marketing, quella fetta del marketing che si occupa della gestione degli account social delle aziende: è un’operazione difficile. Spesso clienti, aziende e persino i familiari degli addetti ai lavori tendono a considerarlo un passatempo. «Selezionate i recruiter» consiglia Osvaldo Danzi fondatore di Fiordirisorse «scegliete di mandare il vostro curriculum a chi pensate che abbia le competenze per capire in cosa consiste il vostro mestiere». Alcune aziende e istituzioni che hanno deciso d’investire sulle nuove generazioni di comunicatori ci sono, però, anche nel parmense. 
Si tratta di enti o ditte che hanno finanziato attraverso una borsa di studio la partecipazione al corso dei ragazzi selezionati e che per cui gli studenti lavoreranno nei prossimi mesi. Sono le protagoniste della seconda delle tre giornate degli Awards, in cui saranno presentati i progetti dei trentasei studenti appartenenti alla quarta classe del corso di formazione a distanza della SQcuola. Prima di tutto il Comune di Parma che ha affidato ai ragazzi la promozione del Bicentenario Verdiano. Non solo: fanno parte dei finanziatori anche Cgil, Cisita Parma, Infinitodesign, agenzia di design universale e Xonne, che sviluppa applicazioni per smartphone e tablet. 
La qualità dei progetti è garantita dalla SQcuola: ogni gruppo di lavoro è affiancato da professori ed ex studenti che consigliano, strigliano e sorvegliano gli studenti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA