Sei in Archivio

Spettacoli

Record Store Day: anche la musica ha la sua festa

20 aprile 2013, 19:39

Record Store Day: anche la musica ha la sua festa

 Nato negli Usa per preservare il valore culturale e sociale dei negozi di dischi, il Record Store Day si celebra anche quest’anno in Italia nella giornata di oggi con centinaia di pubblicazioni di cd e vinili in edizione limitata, performance di artisti, incontri con i fan, mostre d’arte e proiezioni di film. E arriverà anche Paul Weller.

Per la prima volta in Italia arriva un’iniziativa ufficiale che unisce idealmente Milano (Teatro Dal Verme) – dove tutto nasce da una collaborazione tra Good Ones e I Pomeriggi Musicali - con altre istituzioni pubbliche e partner privati di Bologna, Napoli, Roma, Torino e Firenze, città storicamente molto attive in campo musicale. In alcune location anche culturalmente diverse fra loro, come un teatro, un auditorium, una cineteca, un club, un centro sociale e un museo di arte contemporanea, il focus comune è rappresentato dalla proiezione del film ufficiale del Record Store Day 2013. «Last Shop Standing – The Rise, Fall and Rebirth of the Independent Record Shop» di Pip Piper, ispirato dal libro omonimo di Graham Jones (in Italia edito da Arcana), traccia la rapida ascesa dei negozi di dischi negli anni '60, '70 e '80, dalla nascita del rock fino al punk, l'influenza delle chart musicali sulle vendite dei dischi, la nascita del cd e quella delle nuove tecnologie digitali. Testimoni eccellenti sono musicisti come Paul Weller, Billy Bragg, Johnny Marr degli Smiths, Norman Cook, Nerina Pallot, Richard Hawley e Clint Boon ma anche un leader dell’industria discografica come Tony Wadsworth, storico boss della Emi inglese.