Sei in Archivio

Parma

Inceneritore, scontro in consiglio per la commissione d'indagine

23 aprile 2013, 12:08

Inceneritore, scontro in consiglio per la commissione d'indagine

Il forno di Ugozzolo deve ancora iniziare a bruciare i rifiuti, ma la temperatura dello scontro fra i consiglieri comunali di maggioranza e opposizione ha già superato i livelli di guardia, a proposito della commissione di indagine sull'inceneritore e sulla gestione dei rifiuti.
Nel corso della riunione dei capigruppo di ieri pomeriggio è andato in scena il braccio di ferro sulle date, con il Movimento 5 Stelle intenzionato a votare la nascita della commissione al primo punto del consiglio comunale di oggi, e la minoranza che spingeva per rimandarne l’approvazione al consiglio del 7 maggio.
Alla fine, la nascita della commissione - la cui presidenza spetta ad un consigliere dell’opposizione - dovrebbe essere votata oggi, ma a quanto affermato ieri dai rappresentanti di Altra Politica, Civiltà parmigiana e Pd, la costituzione di questa seconda commissione di inchiesta non avrà il loro appoggio.
«Se tutte le forze di minoranza affermano di non ritenere prioritaria la commissione d’indagine sul termovalorizzatore, di cosa stiamo discutendo?», chiede in tono polemico, Maria Teresa Guarnieri (Altra politica), anticipando le parole di Elvio Ubaldi (Civiltà parmigiana): «Se ci fosse stato un percorso ragionato, si poteva anche arrivare ad una discussione, pur essendo per principio contrario a fare una commissione d’inchiesta su atti del tribunale che non possono essere da noi giudicati».
Il capogruppo dell’Udc, Giuseppe Pellacini, afferma invece di non aver ricevuto il materiale necessario per farsi un’opinione sulla necessità della commissione: «Chi propone ha l’obbligo di fornire le carte ai consiglieri».
Secca la replica di Mauro Nuzzo (5 Stelle), colui che ha sostenuto la nascita della commissione d’indagine in seguito all’ordinanza del tribunale, sezione penale, che a proposito dell’inceneritore ipotizzava reati ascrivibili alla macchina comunale.
«Mi auguro che la delibera di costituzione della commissione abbia l’adesione dell’opposizione, a cui verrà data la presidenza».