Sei in Archivio

Provincia-Emilia

Unione Pedemontana: la Merusi presidente

24 aprile 2013, 01:36

Unione Pedemontana: la Merusi presidente

Gian Carlo Zanacca
Il consiglio dell’Unione pedemontana parmense a Collecchio è stato caratterizzato da molte novità. Il sindaco di Sala Baganza, Cristina Merusi, è subentrata, in qualità di presidente dell’Unione stessa, al collega di Montechiarugolo Luigi Buriola. Sono rimaste inalterate le deleghe agli assessori che compongono la giunta, cioè, i sindaci dei Comuni dell’Unione: Paolo Bianchi, di Collecchio, è assessore al bilancio, Barbara Lori, di Felino, è assessore alla sicurezza, Luigi Buriola, di Montechiarugolo, ha la delega alle attività produttive, Ginetto Mari, di Traversetolo, è assessore all’ambiente, infine la Merusi ha mantenuto la delega agli affari sociali e scuola.
In streaming Quello di venerdì è stato il primo consiglio dell’Unione ad essere trasmesso in streaming in via sperimentale. Un’innovazione che diventerà definitiva dopo che è stato approvato, all’unanimità, nel corso della seduta, il regolamento che norma la diffusione in rete delle sedute stesse che sono itineranti e si svolgono nei municipi dei cinque Comuni che fanno parte dell’Unione. La novità era stata fortemente richiesta, a più riprese, da Giuseppe Distante, del Movimento 5 Stelle, consigliere di minoranza di Sala Baganza. Per seguire le sedute basta collegarsi al sito dell’Unione e cliccare nella sezione web.
La variazione al bilancio di previsione del 2013 e l’approvazione del rendiconto di gestione del 2012 hanno monopolizzato la seduta che è stata introdotta dal neo presidente Cristina Merusi con l’illustrazione delle linee programmatiche che interesseranno l’ente per il futuro. La condivisione dei servizi rappresenta una priorità. L’Unione ha già messo in comune importanti funzioni tra cui la gestione del corpo unico di polizia municipale e lo sportello unico per le attività produttive, accanto alla gestione del personale e dei servizi informatici. «L’obiettivo - ha spiegato il presidente - è quello di migliorare ed omogeneizzare i servizi cercando di ottenere economie di scala e maggiori investimenti per i cittadini. L’obiettivo per il 2013 è di conferire all’Unione la funzione legata al sociale, per cui Pedemontana sociale da azienda consortile passerà in capo all’Unione stessa entro luglio».
E la variazione al bilancio di previsione 2013 ha prospettato un potenziamento della gestione del servizio associato di Protezione civile prevedendo un’unità a supporto del comandante del corpo unico di polizia municipale e anche un importante progetto legato al potenziamento della sicurezza ed alla prevenzione dei fenomeni di vandalismo legati al mondo giovanile, finanziato con fondi regionali e della Pedemontana sociale. La variazioni al bilancio sono state approvate con i voti favorevoli della maggioranza; contrari gli esponenti di minoranza Giovanni Montani di Collecchio e Paolo Caramaschi di Montechiarugolo che hanno bocciato anche per il rendiconto della gestione 2012.
Il rendiconto di gestione del 2012 presenta, come ha spiegato Bianchi, un avanzo di amministrazione di 367 mila euro: l’avanzo vincolato è di 300 mila euro, quello non vincolato di 67 mila. Paolo Caramaschi ha sottolineato la problematica legata all’introito delle multe: «Di quelle che vengono fatte annualmente - ha detto - il 25% delle somme non viene incassato, ma solo accertato, un dato che fa riflettere».