Sei in Archivio

Sport

Zambrelli: "La Langhiranese crede fortemente nella salvezza"

24 aprile 2013, 01:45

Zambrelli:

 Vittorio Rotolo

Due vittorie nel giro di quattro giorni: non poteva chiedere di meglio la Langhiranese per rilanciarsi in chiave salvezza. Dopo aver superato di misura il Brescello, mercoledì scorso, gli uomini allenati da Gianluca Zambrelli si sono resi protagonisti di un piccolo grande capolavoro piegando, nell’ultimo turno, la Castellana, quarta forza del torneo, grazie alla rete decisiva di Bertagna. Sei punti capaci di cambiare la storia di un campionato che, per i grigiorossi, sembrava già tristemente scritta. E che ora consentono alla Langhiranese di presentarsi con il morale alle stelle all’appuntamento con il derby, sul campo del Traversetolo. Una sfida che metterà di fronte due formazioni appaiate, a quota 30, in terz’ultima posizione, con una lunghezza di vantaggio sulla Bobbiese (che deve però recuperare una gara, a Ciano, ndr) e tre sul fanalino di coda Fabbrico. I giochi per evitare gli ultimi due posti, che significherebbero retrocessione diretta in Prima Categoria, sono apertissimi. «Per questo la prossima gara avrà un’importanza capitale: di fronte ci ritroveremo infatti un avversario che, come noi, ha praticamente un solo risultato a disposizione per rimanere agganciato al treno play-out» afferma l'allenatore Zambrelli, richiamato a dicembre sulla panchina grigiorossa, dopo la mancata conferma al termine della passata stagione. «Quando sono tornato – racconta – ero perfettamente consapevole delle difficoltà attraversate, anche a livello societario. Ma ho accettato senza tentennamenti, se vogliamo per un senso di riconoscenza nei riguardi di un ambiente cui sono legatissimo. Questo campionato di Promozione ce lo siamo guadagnati insieme e lo scorso anno, nella stessa categoria, abbiamo raggiunto un buon quarto posto». Un alleato in più per credere nella salvezza c’è. Ed è la compattezza di un gruppo, che ha mantenuto intatto quello zoccolo duro che tanto bene ha fatto nelle stagioni precedenti. «È vero e questo può rappresentare un vantaggio: ma la strada è ancora lunga. Siamo consapevoli che, per quanto ci riguarda, la permanenza in Promozione dovrà passare dagli spareggi. Che, come sappiamo, sono tutta un’altra storia. Vedo comunque una squadra in salute, che ha ricominciato a credere nei propri mezzi e che, grazie ai risultati positivi, ha ritrovato autostima e serenità». Qualche sassolino dalla scarpa,  Zambrelli, se lo toglie volentieri. «È normale che quando le cose non vanno per il giusto verso, l’ambiente si deprima – dice –: non posso accettare però certe teorie secondo cui i giocatori avrebbero tirato i remi in barca, ritenendo che tutto fosse ormai compromesso. Questo non è affatto vero perché, al di là dei risultati negativi, in termini di impegno i ragazzi non hanno mai demeritato».
La  Virtus  cambia allenatore
La Virtus di Terza categoria  ha cambiato allenatore.  Max Ravanetti ha dato le dimissioni; la società  sta cercando una soluzione interna. 
Calestani è stato esonerato
Giorgio Calestani, ds della Fontanellatese, smentisce che lui, l'allenatore Schiaretti e il tecnico dei portieri Botti si siano dimessi: «Siamo estati esonarati dalla società» ha detto ieri.