Sei in Archivio

Italia-Mondo

Inchiesta sulla Lega Nord: arrestati Belsito e Bonet

24 aprile 2013, 12:05

Inchiesta sulla Lega Nord: arrestati Belsito e Bonet

(ANSA) - L'ex tesoriere della Lega Nord Francesco Belsito è stato arrestato dalla Guardia di Finanza per associazione a delinquere e truffa aggravata in relazione all’inchiesta sui fondi del Carroccio.
E' stata eseguita un’ordinanza di custodia cautelare anche nei confronti di Stefano Bonet, l’uomo degli investimenti in Tanzania con i soldi del Caroccio.
Da quanto si è saputo, altre due persone sono ricercate.

LA DIFESA DI BELSITO: "ARRESTATO PER MOVIMENTAZIONI DI DENARO". «Da quanto si può sapere al momento, l’arresto non è relativo alla questione delle spese del partito, ma riguarda società e movimentazioni di denaro». Così il legale di Francesco Belsito, avvocato Alessandro Vaccaro, ha parlato del provvedimento di custodia cautelare in carcere per l’ex tesoriere del Carroccio. «Siamo meravigliati, comunque, che l’arresto arrivi ora, ad un anno dall’interrogatorio» ha concluso il legale.
Il legale ha chiarito che Belsito è stato arrestato stamani verso le 6, nella sua casa di Genova, e portato a Milano, probabilmente nel carcere di San Vittore. Il difensore ha aggiunto inoltre che il provvedimento è «connesso al suo ruolo passato di tesoriere» ma ha chiarito che dovrà leggere attentamente l’ordinanza di custodia cautelare. Secondo l'avvocato «desta meraviglia l’arresto in questo momento, a un anno di distanza dall’interrogatorio dello scorso aprile e anche perchè Belsito non ha più alcuna carica».
Le carte che diedero l’avvio all’inchiesta milanese vennero trasmesse a Milano dai pm di Napoli Henry John Woodcock e Vincenzo Piscitelli, i quali tra l’altro nell’ambito delle indagini interrogarono per oltre 20 ore Nadia Dagrada, l’ex segretaria di Umberto Bossi.