Sei in Archivio

Provincia-Emilia

Un sistema radar tiene d'occhio la frana di Capriglio

24 aprile 2013, 17:07

Un sistema radar tiene d'occhio la frana di Capriglio

Si chiama interferometro lo strumento che da questa mattina il gruppo di geologi dell’Università di Firenze, centro di riferimento per il Dipartimento nazionale di Protezione civile, ha collocato lungo la corona della frana di Capriglio. Il sistema radar consentirà di monitorare in tempo reale i movimenti della frana che oggi ha un fronte di circa due chilometri e minaccia oltre a Capriglio l’abitato di Pianestolla. E’ in questa piccola frazione che quando la criticità è diventata emergenza si sono dovute allontanare nove persone dalle loro case, due di queste sono crollate insieme ad un capannone. La strada comunale è ancora non transitabile ma i tecnici stanno lavorando per il ripristino della vecchia viabilità, in modo da ricollegare le due frazioni. 
Alle operazioni di installazione dell’interferometro hanno collaborato il Servizio provinciale e i volontari di Protezione Civile che hanno montato la tenda a protezione di questo prezioso strumento. Il sistema radar invierà per almeno un mese i dati al Dipartimento di Scienze della terra dell’Università di Firenze.  

Intanto lunedì si è svolto un incontro fra i tecnici del Servizio Viabilità della Provincia con i geologi per individuare la soluzione più idonea alla realizzazione del Bypass a Boschetto.
“Contiamo di risolvere il problema entro un mese, siamo consapevoli dell’importanza che  la Massese ha per lo spostamento di persone e merci - spiega l’assessore provinciale Andrea Fellini -. Sul territorio l’emergenza non è ancora finita. Dopo la riapertura a senso unico alternato della provinciale 104 a Selva di Cassio, restano sei le provinciali ancora interrotte. Le piogge che ancora sono annunciate non aiutano l’assestamento delle frane e non ci permettono una valutazione definitiva di quanto accaduto in Appennino. Si conferma che i centri più colpiti sono stati Tizzano, Neviano e Corniglio, ma registriamo una grande diffusione di questi fenomeni su tutto il territorio. L’auspicio, come più volte detto, è che arrivi in tempi rapidi la dichiarazione dello stato di emergenza accompagnato da risorse che ci permettano di approntare gli interventi più urgenti”.
 
Ad oggi il numero degli sfollati ammonta complessivamente a 27, di cui 8 a Boschetto e 9 residenti in due abitazioni e una stalla minacciate dalla frana di Sauna, nel Cornigliese.
Questo smottamento è ora monitorato da un sistema di picchetti installati dal Consorzio di Bonifica per conto del Servizio Tecnico di Bacino. Il fronte è di un chilometro di lunghezza e dista circa 500 metri dalle case dell’abitato. Due escavatori sono in azione per drenaggi in modo da convogliare le acque di monte verso il Rio Lucconi. 

Ad oggi sono cinque le frazioni isolate, l’ultima in ordine di tempo Antreola nel Nevianese con 3 abitazioni e un'azienda agricola.  
Strade provinciali: 6 strade interrotte di cui 2 in 2 punti. Attivata viabilità comunale alternativa. 
SP 65 dal km3+500 al km 5 loc. Musiara Inferiore
SP 665R loc. Boschetto
SP 17 in 2 punti: km 40 loc. Ceretolo e km 43 loc. Ponte Vetto
SP 74 al km 2+200 loc. Staiola 
SP 112 loc. Pessola km9+700
SP 15 in 2 punti: loc. Chiastre-Casaselvatica dal km34+200 al km 36+700 e loc. Riva dei Preti-Chiastre dal km 24+300 al km 34+200
La SP 104 in località Monumento del Partigiano al km6+800 a Selva di Cassio è stata riaperta a senso unico alternato. 

 

 

SALUTE

Alito pesante? Non è solo questione d'igiene

Spazzolino, filo interdentale, colluttori devono essere un rito fin da piccoli Ma spesso l'alitosi è sintomo di malattie che vanno indagate: gola, reni,  fegato, polmoni, come affrontare il problema