Sei in Archivio

Quartieri-Frazioni

Vigili di quartiere in arrivo entro l'estate. Appiedati

24 aprile 2013, 20:25

Vigili di quartiere in arrivo entro l'estate. Appiedati

Beppe Facchini

«Non ci deve essere più carenza di polizia municipale sulle strade». È questo l’obiettivo del nuovo comandante del corpo cittadino Patrizia Verrusio, che lunedì sera, durante l’incontro della Giunta con i residenti del quartiere Molinetto, ha annunciato l’arrivo, entro l’imminente estate, della «polizia di prossimità».

Vigile di quartiere
In altre parole, si tratta di vigili di quartiere che pattuglieranno tutte le aree cittadine e ai quali il neocomandante vuole affidare una missione ben precisa: «Appropriarsi di una zona del territorio e diventarne un punto di riferimento, muovendosi a piedi per farsi vedere e poter parlare con la gente».

Mediare, non sanzionare
Ma Patrizia Verrusio ha intenzione anche di rivedere il regolamento del corpo che dirige da poche settimane, con un principio di fondo che le ha fatto guadagnare l’applauso della platea (una cinquantina i presenti): «Mediare e non solo sanzionare, perché chi indossa l’uniforme deve avere un rapporto educativo con i cittadini. A Firenze, dove sono stata per undici  anni, queste idee hanno funzionato».

Telecamere sulle strade
Sempre sul tema della sicurezza, in neocomandate della Municipale non ha nascosto lo stupore per il numero di telecamere di videosorveglianza riscontrato in giro per Parma. «Non pensavo fossero così tante - ha detto -. Se in alcuni punti in cui sono posizionate non ci sono più problemi, faremo degli spostamenti».
All’incontro in via Argonne erano presenti anche il vicesindaco Nicoletta Paci, l’assessore al Commercio Cristiano Casa e quello all’Ambiente Gabriele Folli.

Raccolta porta a porta
Nemmeno da parte loro sono mancati gli annunci, con in prima linea l’arrivo dal prossimo autunno della raccolta differenziata porta a porta e conseguente avvio della tariffazione puntuale. In programma, inoltre, il controllo della qualità dell’acqua e del rischio idrogeologico, nonostante, tra le problematiche del quartiere, qualcuno abbia fatto notare che nei pressi di via Villetta ci sono ben ventisei  famiglie senza allacciamento alla rete fognaria.

Dalla viabilità allo sport
Le altre questioni sollevate dai cittadini del quartiere Molinetto riguardano la viabilità, la manutenzione delle piste ciclabili, dei parchi giochi, delle infrastrutture sportive e sociali presenti nella zona e il transito dei mezzi pubblici. Alcune hanno trovato responsi concreti (messi da parte 60 mila euro per tutti i parchi giochi cittadini e riqualificazione in programma per la casa protetta Tamerici grazie ai fondi derivati dall’alienazione del Romanini-Stuard), mentre per altre la risposta è stata sempre la stessa: «Non ci sono soldi».