Sei in Archivio

PGN primo piano

Duecento ragazzi in pellegrinaggio ad Assisi

27 aprile 2013, 20:51

Duecento ragazzi in pellegrinaggio ad Assisi

Luca Molinari

Due giorni ad Assisi sulle orme di San Francesco. Duecento giovani parmigiani, ieri  pomeriggio sono partiti in pullman alla volta del paese umbro, guidati dal vescovo Enrico Solmi. Il pellegrinaggio, organizzato dalla Pastorale Giovanile, rappresenta l’appuntamento di chiusura del primo anno del «Concilio dei giovani», il percorso triennale che mette i giovani al centro dell’attenzione della Chiesa di Parma, dandogli la parola. Oggi e domani la nutrita comitiva sarà impegnata in una serie di momenti di riflessione e preghiera.
La testimonianza di monsignor Matteo Zuppi, vescovo ausiliare di Roma, anticiperà un percorso in gruppi nei luoghi più significativi della vita del Poverello di Assisi. La prima giornata terminerà quindi con una fiaccolata dal centro di Assisi a Santa Maria degli Angeli. Domani,  invece, l’incontro assembleare e la celebrazione della messa nella basilica superiore di Assisi concluderanno il pellegrinaggio. «Abbiamo deciso da subito di concludere questo primo anno del Concilio dei giovani ad Assisi - spiega il vescovo Enrico Solmi - perché si tratta del luogo in cui è vissuto San Francesco, la persona che meglio ha imitato Cristo; una figura capace di stimolare e attrarre e i giovani, spingendoli a testimoniare la propria fede agli altri, per dare un contributo di speranza alla nostra città». Monsignor Solmi traccia quindi un bilancio positivo di questa prima fase del «Concilio». «E’ una esperienza che sta decollando - rimarca - dando voce ai giovani». A breve, inoltre, numerosi ragazzi e ragazze parmigiani saranno impegnati in tante altre iniziative. «A giugno - precisa il vescovo - i giovani parteciperanno all’assemblea della diocesi e a fine luglio, una nutrita delegazione sarà presente alla Gmg di Rio de Janeiro, per incontrare Papa Francesco e seguire le orme del caro Daniele Ghillani, che ha donato la sua vita per i giovani del Brasile». Entusiastici anche i commenti dei giovani in partenza, che valutano positivamente questo primo anno conciliare. «Ci sono grandi aspettative per questi due giorni ad Assisi - afferma Lucia -: speriamo di vivere una bella esperienza, nonostante il numero di giovani non sia elevatissimo». Sofia, della parrocchia di San Giovanni Battista, sottolinea il valore del lavoro svolto in questi mesi. «E’ stato bello confrontarsi con gli altri giovani su un tema come la fede - sottolinea -. Ho apprezzato molto che, finalmente, la Chiesa abbia ascoltato la nostra voce dandoci la possibilità di scambiarci opinioni e idee». Parole ribadite da Elisa, della parrocchia di Vicomero-Baganzola. «Il bilancio di questo primo anno di Concilio è più che positivo - dichiara -. Il fatto che un gruppo di giovani si sia ritrovato per discutere sul tema della fede è di per sé un grande passo. In ogni caso, i frutti del nostro lavoro si vedranno nei prossimi anni».