Sei in Archivio

Provincia-Emilia

Colorno, in 7.500 alla ricerca del fiore perfetto

30 aprile 2013, 01:35

Stefania Provinciali

COLORNO - Ha chiuso in bellezza ieri, nell’anno in cui ha celebrato il ventennale, «Nel segno del giglio» mostra mercato del giardinaggio di qualità. Una giornata dal clima piacevole ha sollecitato il pubblico che fin dall’apertura è giunto numeroso nel Parco della reggia per andare alla ricerca del fiore «perfetto» per le proprie esigenze.
Una passione in crescita che negli ultimi anni ha visto un pubblico sempre più vasto dedicarsi al piacere di uno spazio verde, grande o piccolo che sia capace di portare un po’ di natura sul terrazzo di casa o nel giardino.
Così, se la pioggia di sabato aveva portato in mostra solo gli appassionati più instancabili, la giornata di ieri con circa 7.500 presenze, si è rivelata un vero successo e molti di coloro che sono giunti da altre regioni, Lombardia, Veneto, Liguria, Piemonte, non si sono voluti perdere l’occasione di visitare non solo la mostra e lo splendido giardino ma anche la Reggia.
Sono state le rose forse i fiori più apprezzati ed acquistati: rose rosse, gialle, bianche, rose antiche e da collezione, rose rampicanti e ricche di significati che hanno conquistato l’acquirente soprattutto femminile anche se la rassegna oltre alle novità di settore offre sempre proposte per tutti i gusti anche nel campo dell’arredo da giardino. 
Un arredo da esterno che quest’anno ha unito all’utile ed al bello anche una presenza artistica, con la partecipazione dello scultore Maurizio Benassi e del suo grande fiore in acciaio inox e ferro, opera imponente destinata, come altre sue note opere, a dare un tocco di «modernità» a grandi giardini anche storici.
E’ piaciuto il miele biologico portato dall’Associazione Apicoltori Parma Reggio e le verdure biologiche in vendita da Balestrazzi mentre sono andati a ruba i semi di girasole regalati da Parma Mia, che ha collaborato alla manifestazione, simbolo del nuovo quartiere verde di Parma.
Molto apprezzata dai bambini la tosatura in diretta della pecora cornigliese presso lo stand della Provincia di Parma tanto che, a grande richiesta del pubblico, il pastore ha dovuto replicare con più pecore, vista l’esperienza che anche molti adulti hanno dichiarato «unica» e che i più piccoli hanno vissuto con emozione.
Apprezzatissimo il gelato biologico di Gaia Gelato fatto con ingredienti naturali e nel cui stand già nel pomeriggio era stato esposto il cartello «terminato»; sono piaciuti la birra del Birrificio del Ducato, il più premiato in Italia ed i prodotti dell’Antica Corte Pallavicina, gelosa custode della tradizione. Ancora verso le 19, orario di chiusura, il pubblico si aggirava tra gli stand per gli ultimissimi acquisti.