Sei in Archivio

Sport

Hbs Colorno, un pari che vale l'A1

29 aprile 2013, 17:36

Hbs Colorno, un pari che vale l'A1

Simone Sommi

L’Hbs Colorno in paradiso, l’Amatori Parma rimane appesa ad un sottilissimo filo. Il 20° turno del campionato di serie A2 ha dato verdetti solo da un lato. Con il pareggio 16-16 a Torino contro il Cus, i biancorossi di Mordacci e Prestera conquistano i due punti necessari per la seconda promozione consecutiva e passano al girone 1 della serie A. Poco importa se il Valpolicella ha scavalcato i colornesi in classifica, in quanto vengono promosse le prime due classificate, anche se solo i primi andranno a fare i play-off per la promozione in Eccellenza con le prime tre del girone 1.
L’Amatori  supera invece il Vicenza per 27-24 e rimane in corsa per la salvezza per il rotto della cuffia: il Cus Padova, infatti, è stato sconfitto 52-12 a Capoterra ed è avanti, a due giornate dalla fine, di 10 punti. Ai blucelesti servono ora due vittorie da 5 punti, oltre a due sconfitte dei patavini, per raggiungere i veneti: in tal caso il regolamento sportivo dice che, per determinare la squadra da retrocedere direttamente, servirebbe uno spareggio. Non sarebbe poi finita, perché la terzultima classificata, per rimanere in serie A, si giocherebbe un play-out con il Modena.
Chi non ha più conti da fare è invece il Colorno. «Siamo molto contenti del risultato ottenuto  - ha dichiarato il presidente del sodalizio biancorosso Mario Padovani -. Non era un obiettivo iniziale, ma grazie al campionato di alto livello disputato, seppur con alcuni alti e bassi, siamo riusciti ad arrivare a questa promozione. Devo anche dire che siamo molto contenti per il gioco espresso, superiore a molte squadre viste quest’anno, il che ci fa sperare bene per il futuro: pensiamo di poter affrontare la serie A1 con tranquillità».
A Torino servivano due punti (anche se alla fine, vista la contemporanea sconfitta del Vicenza, i biancorossi avrebbero conquistato comunque la promozione) ed quelli sono arrivati. Anche se la meta finale di Monfrino, che ha dato il pareggio ai torinesi, se trasformata, avrebbe potuto regalare la vittoria ai padroni di casa. Sotto una pioggia torrenziale i colornesi muovono il punteggio solo al 23’ con il piede di Dusi. La grossa pressione portata frutta una meta di punizione che fissa il punteggio sul 10-0. Ma a questo punto arriva la risposta del Cus. Prima una meta di Martina, poi due calci di D’Angelo, a cavallo del riposo portano il Torino avanti di un punto. Esce allora l’orgoglio e la voglia di promozione dei colornesi, che ribaltano il risultato con un piazzato di Dusi ed un drop di Ceresini. La vittoria sfuma nel finale, con la meta di Monfrino, ma la festa del Colorno può iniziare lo stesso.
 A Moletolo  l’Amatori centra una bellissima quanto amara vittoria contro la terza in classifica, il Vicenza. Giocando buona parte delle partite della stagione regolare come ieri la squadra di Mey avrebbe una classifica ben diversa da quella, disperata, attuale. Orlandini e compagni, per una volta, non hanno consesso la prima parte della gara agli avversari ed il risultato si è visto: gioco vivace e mete. L’Amatori ne segna tre, di cui due di Gagliardi ed entrambe su intercetto. La terza segnatura è di Botha: Della Ragione ruba palla in touche, Torelli lancia il sudafricano tra i pali. Un calcio di Fava e due mete vicentine fissano il punteggio sul 24-14. Nella ripresa gli ospiti arrivano al pareggio, segnando due mete non trasformate, ma il piede di Fava è preciso e riporta avanti i suoi al 19’. I padroni di casa riescono a mantenere il risultato sino alla fine, nonostante un’inferiorità numerica e sfiorano addirittura la quarta meta.
La vittoria  mantiene acceso un barlume di speranza e i blucelesti hanno il dovere di crederci, cercando il massimo dei risultati nella prossima trasferta di Avezzano. Solo tra 80 minuti (forse) si tireranno le somme.