Sei in Archivio

Parma

"Farsi un'idea" per capire meglio la nostra rabbia

03 maggio 2013, 15:01

Laura Ugolotti

Tra le emozioni più autentiche ed istintive dell’essere umano la rabbia è una delle più comuni e condivise. A chi non è mai capitato di arrabbiarsi, anche violentemente?
Allo stesso tempo la rabbia è un sentimento potente, e quando è portata all’esasperazione diventa una sorta di «stato di belligeranza, in cui non ci sentiamo più padroni delle nostre azioni».
 Eppure, proprio per la sua potenza, è in grado di muovere le cose, di modificare situazioni e relazioni.
L'ira funesta 
E la stessa ambivalenza che c’è tra la concezione cristiana della rabbia, intesa come vizio, come peccato capitale, e quella mitologica - la celebre «ira funesta» del Pelide Achille - convive spesso ancora oggi anche all’interno della stessa persona. 
Come interpretare, allora, i sentimenti di rabbia? 
Come capire quando arrabbiarsi è utile e quando invece è dannoso per sé e per gli altri?
Il volume
 Il quarto volume della collana «Farsi un’idea», edita da il Mulino e in edicola da oggi con la Gazzetta di Parma, vi aiuterà a rispondere a queste e a tante altre domande o almeno, spiegando in termini semplici concetti scientifici e psicologici, vi fornirà lo spunto per trovare il modo di arrabbiarvi non di più, o di meno, ma «meglio». 
L'autrice
Ci si arrabbia per quattro motivi, spiega l’autrice del volume, Valentina D’Urso, docente di Psicologia generale all’Università di Padova: perché si percepiscono situazioni sgradevoli o minacce, perché si riscontra un impedimento ai propri scopi, perché si vivono frustrazioni psicologiche o perché si subiscono delle ingiustizie. Non sempre, però, la rabbia è commisurata al danno reale. Ci sono modi diversi, però, di reagire. 
«Le rabbie costruttive - spiega D’Urso - servono a migliorare la propria immagine, ad ottenere cambiamenti, a rafforzare le relazioni».
«Le rabbie malevole ottengono lo scopo di rendere manifesti dei sentimenti di antipatia, disprezzo, odio. Ha lo scopo di indebolire o di rompere una relazione».
 «La rabbia di sfogo - infine - è fine a se stessa, ha lo scopo di lasciare uscire una tensione interna». 
In edicola
Analizzare il motivo per cui ci si arrabbia e i meccanismi che la rabbia genera in ognuno di noi, insomma, può aiutare a gestire al meglio un sentimento così potente.
 Il volume è in edicola con la Gazzetta di Parma a soli 4,90 euro più il prezzo del quotidiano.
 
 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA