Sei in Archivio

Parma

Una sera di pioggia e fulmini: allagato il sottopasso di via Budellungo

03 maggio 2013, 08:50

Una sera di pioggia e fulmini: allagato il sottopasso di via Budellungo

Un forte e improvviso temporale ieri sera si è abbattuto sulla città. L'abbondante pioggia ha creato alcuni disagi. In tangenziale sud il sottopasso di via Budellungo si è allagato: alcune auto sono rimaste bloccate. Sono intervenuti i vigili del fuoco e gli agenti della polizia municipale che hanno messo in sicurezza l'automobile.

Il temporale è durato circa venti minuti e si è interrotto velocemente: gli uomini del 115 hanno avuto diverse telefonate dai cittadini per situazioni che poi si sono risolte rapidamente.............Articolo sulla Gazzetta di Parma

Il racconto - Il proprietario dell’auto fotografata ci ha ricostruito questa mattina la dinamica esatta dell'episodio. "Vi posso dire che non c’è stata nessuna sbandata, visto che io sono rimasto sul posto per circa un’ora e mezza essendo coinvolto. Ero all'altezza della rotonda della via Emilia quando è iniziato a piovere: visto che era appena iniziato il temporale, ho scelto ugualmente la tangenziale, quando mi sono trovato un camioncino il cui autista ha pensato bene di fermarsi in corsia di sorpasso per non bagnarsi....  In pochi minuti l’acqua ha raggiunto un’altezza di circa 30 centimetri, entrando anche nell’abitacolo. Il camionista, avendo il motore più alto, è ripartito mentre io sono rimasto in panne e con me altre due auto che si sono bloccate successivamente, ma che dopo circa 20 minuti sono riuscite a ripartire. Sono intervenuti i vigili del fuoco e la polizia municipale (tutte persone perfette, sia gli uni che gli altri) in modo tempestivo (è giusto dirlo viste le tante critiche che si devono sempre sobbarcare). Successivamente hanno fatto intervenire lo spurgo fogne che ha provveduto a pulire tutte le bocchette, perché tranne una risultavano tutte intasate, probabilmente per cattiva manutenzione".

  Inviate le vostre segnalazioni attraverso lo spazio commenti e le foto con una mail a sito@gazzettadiparma.net