Sei in Archivio

Parma

Dall'Olio (Pd): "Scuola per l'Europa: ritardi e ulteriori costi in vista". La replica della Paci

04 maggio 2013, 17:52

Dall'Olio (Pd):

Il futuro prossimo della nuova Scuola per l'Europa? "Altri ritardi e ulteriori costi in vista", secondo il capogruppo del Pd in Consiglio comunale Nicola Dall'Olio, che proprio all'opera ha dedicato una interrogazione fresca di deposito in municipio.
 

"Dopo esserci costata 750.000 euro in più per ritardi e inadempienze imputabili solo a questa amministrazione, la Scuola per l'Europa rischia ora di non essere pronta, come promesso, per l'anno scolastico entrante - scrive Dall'Olio -. La commissione di collaudo è dimissionaria da più di 2 mesi. Manca il piano degli arredi e delle attrezzature e il Vicesindaco Paci diserta regolarmente i CdA della scuola dove si devono prendere decisioni in merito. Ma soprattutto non c'è traccia della rotonda su strada Langhirano e dei relativi accessi veicolari e ciclabili, opere che dovrebbero essere realizzate dai soggetti attuatori della contigua lottizzazione urbana, oggi pressoché ferma a causa della crisi del settore. Il rischio sempre più concreto è di trovarsi a settembre con la scuola finita, ma inaccessibile e inutilizzabile per la mancanza degli arredi e di tutte le attrezzature necessarie al suo funzionamento. E questo in una situazione di grave carenza di aule, con la stessa Scuola per l'Europa costretta già ora ad andare in prestito dal Liceo Bertolucci".

"Ma - secondo il capogruoppo Pd- non basta. In base agli accordi sottoscritti a gennaio per riavviare il cantiere, la sede che ospita attualmente la Scuola per l'Europa (l'ex scuola Pascoli di Via Saffi) dovrà essere trasferita come corrispettivo alle imprese costruttrici entro il 30/09/2013, a prescindere dall'ultimazione dei lavori e dall'agibilità della nuova sede scolastica. Se la nuova scuola non dovesse essere agibile per settembre, come appare sempre più probabile, dove pensa il Vicesindaco Paci di mettere gli alunni della Scuola per l'Europa? Il Comune sarà costretto a pagare un canone di locazione ai nuovi proprietari, aggiungendo ulteriori costi a quelli già prodotti dalla propria incapacità amministrativa?".

LA REPLICA DEL VICESINDACO PACI

Ecco la replica del vicesindaco Nicoletta Paci."Ad immediata rettifica delle dichiarazioni rese dal consigliere di minoranza Dall'Olio, riguardo al tema della Scuola Europea, si precisa che la vicesindaco Nicoletta Paci ha sempre preso parte regolarmente alle riunioni del CdA della Scuola stessa, quale rappresentante del Comune di Parma. E' stata costretta a disertare una sola riunione a causa di una riunione di Giunta concomitante, in data 8 aprile 2013. Preghiamo quindi il consigliere di rettificare immediatamente le notizie pubblicate e la prossima volta di volersi informare correttamente prima di rilasciare dichiarazioni prive di fondamento."