Sei in Archivio

Sport

A singolar tenzone: Parma-Atalanta

05 maggio 2013, 19:15

A singolar tenzone: Parma-Atalanta

A cura di Pietro Razzini

Ampuero – Raimondi Dopo l’esordio in maglia crociata all’Olimpico di Roma, Roberto Donadoni ripropone Ampuero dal primo minuto. Questa volta in casa, questa volta in una partita con meno tensione. Il ragazzo peruviano non tradisce, dimostrando carattere, corsa e discreta qualità nel tocco. Applaudito dai tifosi per la caparbietà in alcune sue giocate, è stato scuramente tra i più positivi all’interno di una partita che ha regalato poche emozioni.

Benalouane – Bonaventura Con Bonaventura che tende ad accentrarsi, accompagnando Denis e Moralez nell’azione offensiva, si rivoluziona l’assetto tattico del Parma: Benalouane è costretto a spingersi verso il centro dell’area per seguire il fantasista orobico, Biabiany o Parolo rientrano per chiudere le folate offensive di Brivio. Il terzino crociato ha davanti a sé il giocatore più tecnico degli avversari, quel Bonaventura tenuto sotto osservazione anche da Cesare Prandelli per la casacca azzurra. Benalouane non sfigura, cercando di tanto in tanto anche qualche folata offensiva.

Belfodil – Ferri Sprazzi di luce dopo il buio durato un intero girone, quello di ritorno. Belfodil scalda i motori in questo finale di stagione, dimostrandosi il più pericoloso nell’area atalantina. Donadoni lascia al franco algerino e a Biabiany la libertà di scambiarsi le posizioni ai fianchi di Amauri. Lui rende di più quando si allarga sulla destra, trovando un avversario, Brivio, meno propenso alla fase difensiva. Fatica di più contro Ferri. Da una sua azione di sfondamento nasce il gol di Marco Parolo.

Parolo – Biondini Polmoni al servizio della squadra: Parolo condisce una prestazione di alto livello con il gol-spacca partita. Tiro potente, sotto la traversa, imprendibile per Consigli. Biondini recupera palloni, tenta di sostenere il centrocampo atalantino che, tuttavia, fatica a offrire palloni utili al reparto offensivo. Parolo dimostra di essere in fase crescente, condizione buona per un finale di stagione da protagonista: difende e si lancia negli spazi, creando opportunità offensive ai propri compagni di squadra.