Sei in Archivio

Parma

Il boss Provenzano resta ricoverato al Maggiore

05 maggio 2013, 20:28

Il boss Provenzano resta ricoverato al Maggiore

Resta ricoverato nell’ospedale di Parma il boss Bernardo Provenzano, trasferito in nosocomio d’urgenza venerdì dal carcere in cui è detenuto al 41 bis. I familiari del capomafia, ai quali è stato comunicato il ricovero, hanno chiesto aggiornamenti sulle condizioni di salute del boss e sulle cause del trasferimento. Dal carcere hanno risposto che il ricovero è avvenuto «per accertamenti clinici e in relazione alle patologie pregresse e remote» e che le autorita» competenti verranno informate degli sviluppi.
«Le condizioni di salute di un detenuto – replica l’avvocato del capomafia, Rosalba Di Gregorio – non sono un fatto privato fra carcere e autorità giudiziaria». «La punizione dello Stato – si chiede il legale che ha chiesto invano la revoca del carcere duro per motivi di salute – può esercitarsi ancora su un incapace, gravemente malato, senza trasformarsi in vendetta?».

Provenzano, dichiarato incapace di partecipare coscientemente a un processo, è in gravissime condizioni di salute da mesi: oltre a problemi neurologici, il capomafia ha patologie cardiache e una recidiva del tumore alla prostata. I giudici del tribunale di sorveglianza di Bologna dovranno decidere nei prossimi giorni sull'istanza di sospensione dell’esecuzione della pena fatta dal suo avvocato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

SALUTE

Alito pesante? Non è solo questione d'igiene

Spazzolino, filo interdentale, colluttori devono essere un rito fin da piccoli Ma spesso l'alitosi è sintomo di malattie che vanno indagate: gola, reni,  fegato, polmoni, come affrontare il problema