Sei in Archivio

Parma

Parma Unita: "La Parma dei 5 Stelle è una città che si spegne"

05 maggio 2013, 18:27

Parma Unita:

 Margherita Portelli

Parla di aspettative deluse, Roberto Ghiretti, e sul podio delle priorità colloca risanamento, rilancio dell’economia e famiglia. 
All’assemblea pubblica promossa da Parma unita, che - a un anno dalle elezioni amministrative - si è svolta ieri alla Corale Verdi, il consigliere comunale d’opposizione che la scorsa primavera correva per la poltrona di sindaco ha dato fondo alle critiche sull’operato dell’amministrazione a 5 stelle e ha fatto il bilancio di un anno d’opposizione. «Dietro il mantra del debito è mancato il fare – ha esordito Ghiretti, di fronte a una platea affollata di cittadini e militanti di Parma Unita -: Parma è una città congelata, che si sta spegnendo. Un sano risparmio va bene, ma il debito non può essere lo scudo termico per tutto. Ci sarebbero tante piccole cose che si potrebbero fare con poco: troviamo i soldi per la webcam in piazza Garibaldi e non per tenere aperta la fontana al parco Bizzozero? Inoltre, sono stati tolti i finanziamenti per lo spazzamento delle strade e per la cancellazione dei graffiti dai muri, ma in fretta e furia si è fatta partire la differenziata in centro storico. Senza contare la trascuratezza dei parchi o le condizioni delle nostre strade». 
Parla di ideologia, Ghiretti,: «Si vuol far apparire Parma come una Stalingrado e si vogliono vincere le “olimpiadi del risanamento” – afferma - , ma attenzione, perché un risanamento eccessivo in tempi non conformi è pericoloso». Nel corso della mattinata, moderata dal giornalista della Gazzetta di Parma Gian Luca Zurlini e che ha visto il contributo attivo di numerosi cittadini, Ghiretti ha parlato anche di termovalorizzatore, dicendosi disponibile a una commissione d’inchiesta: «Perché nessuno ci dice come sono andati questi primi test?» si chiede. Parlando di famiglia, poi, rimarca una mancanza di ascolto da parte dell’amministrazione grillina: «Abbiamo chiesto un referendum per sapere quale fosse l’opinione delle famiglie sul Quoziente Parma, ma non ci hanno nemmeno preso in considerazione». Sui quartieri, a detta del consigliere di Parma Unita, il ritardo è imperdonabile: «Stiamo ancora a discutere di sorteggi a un anno dal voto – accenna -. Ma a quest’ora il nuovo modello dei quartieri doveva già essere rodato». Ghiretti non le manda a dire nemmeno al primo cittadino Federico Pizzarotti definendolo «un sindaco-macchietta, emulo di Totò in consiglio comunale».
 «Dei 16 milioni d’avanzo di bilancio, con cui si è deciso di saldare debiti più che discutibili, ne è rimasto solo uno – fa notare -, ma avrebbero potuto essere almeno 6 o 7». Parma Unita, assicura Ghiretti, è disponibile al dialogo: «Non abbiamo preclusioni – sottolinea -, ma occorre condivisione, per il bene e il futuro della città». 
 

SALUTE

Alito pesante? Non è solo questione d'igiene

Spazzolino, filo interdentale, colluttori devono essere un rito fin da piccoli Ma spesso l'alitosi è sintomo di malattie che vanno indagate: gola, reni,  fegato, polmoni, come affrontare il problema