Sei in Archivio

Quartieri-Frazioni

E la felicità dei bimbi si trasforma in un mestiere fatto di fantasia

07 maggio 2013, 01:49

E la felicità dei bimbi si trasforma in un mestiere fatto di fantasia

Chiara Pozzati
Avete mai pensato a quel che passa nella testa della sorella gemella di Cappuccetto Rosso? O a quanto può insegnare Carletto, il principe senza difetto? O come consolare Camilla, la bimba che strilla? Qualcuno sì, qualcuno che ha dato vita a questi burattini e a un mondo di laboratori a misura di bimbo. Ecco chi è Elisa Conti, 35 anni, burattinaia di San Lazzaro. Un vulcano di idee e la capacità d’incantare: questi i segni particolari della parmigiana che ha fatto della felicità dei piccoli un mestiere. Andando ben oltre i confini di Parma e dando vita al Castello delle arti nella rocca malatestiana di Montefiore Conca, in provincia di Rimini. «In realtà io ho solo contribuito ad avviare il progetto – dice timida – oggi lo sta portando avanti con entusiasmo il mio compagno». Lei, d’altronde, è impegnata a fare tappa tra scuole, mostre, biblioteche. Tutte da vivere e reinventare. Una laurea in Filosofia appesa in camera e una formazione prima come autodidatta, poi attraverso una scuola di Cervia. Ha imparato il teatro di strada, i segreti della giocoleria, l’arte della manualità. Ha vissuto le vertigini da trampoli prima di capire quale fosse la sua strada. «Ho deciso di impegnarmi nei laboratori dedicati all’infanzia perché adoro i bimbi. E, soprattutto, imparo tanto dai più piccoli. Sanno affrontare il mondo al contrario di ciò che pensano in molti». Una strada in salita ed Elisa non lo nasconde: «ma non mi perdo d’animo», per la gioia dei bimbi parmigiani. Seguitissimi sono stati i suoi incontri nella biblioteca di Alice, all’Ospedale dei bambini, alla Scuola per l’Europa e a Palazzo del Governatore. Ma come funziona? «Dove mi chiamano vado», risponde divertita. E le chiamate certo non mancano. Elisa dà vita a spettacoli coi burattini, ma è anche specializzata nella narrazione. Svelando, per esempio, il mondo che può uscire da una scatola.