Sei in Archivio

Quartieri-Frazioni

Fatam, da 70 anni il regno di drappi e stoffe pregiate

07 maggio 2013, 01:48

Fatam, da 70 anni il regno di drappi e stoffe pregiate

Margherita Portelli
C’è un regno di drappi e tessuti preziosi che si snoda agli angoli del centro da quasi settant’anni. Come in molte favole, il prologo è piuttosto dimesso ma l’esito è grandioso.
«Fatam», catena di negozi di biancheria per la casa che oggi conta numerosi punti vendita nel quartiere Parma centro (da via Cavour a via Garibaldi, fino a via Mazzini) nacque dall’intuizione di Oreste Vercesi, commerciante che nell’immediato dopo guerra aprì un negozietto di merceria e biancheria in via Dante Alighieri. Era il 1945, l’Italia si rialzava e Vercesi si reinventò commerciante, buttandosi a capofitto in una nuova attività che, da lì a qualche decennio, il figlio Giovanni avrebbe fatto germogliare oltre ogni aspettativa.
A guidare la «squadra in rosa» di «Fatam», che attualmente conta una ventina di dipendenti, tutte donne, c’è ancora Giovanni Vercesi, affiancato dalla moglie Lia.
Lo incontriamo nel negozio «fiore all’occhiello» della catena: quattrocento metri quadrati di eleganza da oltre vent’anni all’angolo tra via Cavour e strada Melloni. «Avevo da poco cominciato l’università quando mio padre ebbe problemi di salute che gli impedirono di portare avanti l’attività di famiglia – ricorda il titolare -. Era il 1960: così lasciai da parte gli studi e mi dedicai al negozio».
Misura con cura le parole, Vercesi. Preferisce minimizzare che apparire presuntuoso: fatto sta, però, che in poco tempo l’attività moltiplicò i clienti, e il negozio divenne pian piano una catena, vero e proprio punto di riferimento per la città. Non solo arredo e biancheria per la casa, ma anche intimo e costumi da bagno.
«La cosa più bella di questo lavoro, che continuo a fare con entusiasmo da oltre cinquant’anni, è il contatto con il pubblico – aggiunge il titolare -: abbiamo una clientela affezionata che si protrae di generazione in generazione. Ci sono ragazze che vengono a fare il corredo accompagnate dalle madri che a loro volta, trent’anni prima, erano venute qui per la stessa ragione. Il nostro punto forte credo sia quello di essere riusciti a offrire una gamma di articoli differenziata per fasce di prezzo».
 I colori si rincorrono negli spazi ampi del negozio, e i ricordi si affastellano: la storia, però, promette di essere ancora molto lunga.