Sei in Archivio

Provincia-Emilia

Traversetolo- Mari: "No a un Consiglio sulla Bottega d'Orfeo"

06 maggio 2013, 17:41

Traversetolo- Mari:

 Continua la diatriba tra il Comune e l’associazione  «Bottega d’Orfeo». Durante il consiglio comunale è stata avanzata ancora da parte della minoranza la richiesta di un consiglio comunale aperto per dare modo all’associazione di prendere la parola. 

«I capigruppo si sono confrontati con la Bottega d’Orfeo - ha spiegato il sindaco Mari - non credo serva un consiglio aperto, innescherebbe nuove polemiche». Il consigliere della Lega Simone Dall’Orto ha letto una lettera dell'associazione che lamenta l’indifferenza mostrata dall’Amministrazione e annunciava l’intenzione di indire un’assemblea pubblica. 
Mari, riconoscendo la legittimità dell'assemblea, ha ricordato l’importante sostegno economico fornito dal Comune all’associazione. Il consigliere di minoranza Sergio Madureri ha ricordato il precedente scontro tra Amministrazione e Centro culturale: «Auspicavo un chiarimento perché non si ripetesse la stessa situazione ma all’incontro della maggioranza con la Bottega mancavano sia il sindaco sia l’assessore al Commercio. In questi mesi il dialogo non è stato aperto». «Ero informato dell’incontro ma impossibilitato a partecipare», ha chiarito Mari. Il consigliere Filippo Binini: «Non vedo grossi torti dal punto di vista procedurale ma emergono sul piano relazionale. Non basta dirsi disponibili a un incontro, occorreva farlo. Resto contrario al consiglio aperto per difficoltà gestionali». Il consigliere Gianni Bellini del Psdi: «Il consiglio aperto è uno strumento utile. Propongo una mozione consiliare per diminuire il numero di consiglieri necessari per convocarlo». Mozione firmata solo dai due membri della minoranza.