Sei in Archivio

Spettacoli

Carlo Colombara: "Mefistofele, ruolo che mette a dura prova"

09 maggio 2013, 01:33

Carlo Colombara:

Lucia Brighenti
Dopo essere stato a Parma un anno fa, concedendosi un ruolo baritonale come quello di Scarpia, Carlo Colombara torna in città con un personaggio che è questa volta nelle sue corde di basso. Interpreterà infatti il ruolo del titolo in «Mefistofele», capolavoro di Boito che sarà eseguito sabato primo giugno (ore 20.45) al Teatro Regio.
L’evento benefico è organizzato, anche in questo caso, dal comitato «Parma col cuore». «Sognavo di cantare Scarpia almeno una volta nella vita, sin da quando avevo nove anni – racconta il celebre basso – quindi per me è stata una grande emozione poter affrontare questo ruolo a Parma». Quello di Mefistofele è invece un titolo già debuttato, ma non per questo meno coraggioso: Colombara lo ha cantato la prima volta nel 2009, nel Festival di Savonlinna, in Finlandia, con Daria Masiero che anche a Parma lo affiancherà nel ruolo di Margherita. «Si tratta di uno dei personaggi più belli per basso, – dice Colombara – d’altra parte è anche un ruolo molto difficile, di grande tenuta che mette a dura prova il cantante. Mefistofele è in scena dall’inizio alla fine, con un’orchestra wagneriana che obbliga quasi sempre a cantare a piena voce, richiede quindi una vocalità matura e una tenuta importante». Orchestra e coro imponenti, «Mefistofele» è un’opera costosa e per questo raramente rappresentata nei teatri, «tuttavia è davvero un capolavoro che vale la pena di riscoprire», prosegue Colombara. Il basso arriverà a Parma dopo un intenso periodo di tournée che lo hanno portato a Londra (per il Requiem di Verdi), Vienna (dove ha inciso per la Decca Simon Boccanegra) e Parigi (per la Petite Messe di Rossini). A Parma avrà al suo fianco anche il giovane tenore Giovanni Manfrin (Faust), sotto la direzione di Pietro Mianiti. Il ricavato della serata andrà a favore dell’associazione «Giocamico Onlus»: «Tutti hanno perlomeno il diritto di cominciare bene la propria vita» sottolinea Colombara, che ogni anno canta in alcune serate benefiche a favore di associazioni che si prendono cura dei bambini meno fortunati. «Mefistofele» ha il sostegno di Ammi (Associazione Mogli Medici Italiani), Gruppo Infor, Valparma Hospital, Ascom Parma, Kika Events, Flo, Edizioni Pei, Bfm agenzia di assicurazioni, Best Western Hotel Farnese, Banca popolare dell’Emilia Romagna, Pico s.r.l., Fonola Dischi, Edizioni Caramba, MacroCoop. Media partner: Gazzetta di Parma e Tv Parma.
I biglietti (platea 42 euro; palco 32; galleria 17; diritto di prevendita 3 euro), sono in prevendita presso la biglietteria del Teatro Regio (via Garibaldi, 16/A; tel.: 0521 039399), oppure on-line, sul sito del teatro (www.teatroregioparma.org).