Sei in Archivio

Economia

"Scricchiola" il prezzo di Lactalis American Group pagato da Parmalat

09 maggio 2013, 20:58

Scricchiola il prezzo pagato da Parmalat a Lactalis per l’acquisto di Lag, la controllata americana venduta dai francesi a Collecchio nel 2012 per 957 milioni di dollari. Le relazioni dei consulenti sul tavolo del consiglio d'amministrazione che si riunirà domani, a quanto si apprende, offrono il destro per chiedere uno sconto sulla base delle procedure di aggiustamento del prezzo previste nel contratto coi francesi.
Dopo che Pwc ha rivisto al ribasso l’Ebitda di Lag e attestato un taglio di 13,3 milioni di dollari sulle spese di marketing, anche la relazione dei tre esperti - chiamati a valutare se i risparmi sulle spese pubblicitarie siano frutto di buona gestione o invece uno stratagemma per gonfiare il valore di Lag - renderebbe possibile l’attivazione delle procedure di revisione del prezzo su cui sarà chiamato a decidere il consiglio.

Domani scade il termine entro il quale Parmalat può chiedere al suo azionista di controllo (Lactalis ha l’83% del gruppo di Collecchio) una rettifica del prezzo di Lag, pagata 9,5 volte l’ebitda 2012. Un risultato che, è il sospetto di azionisti di minoranza ma anche della Consob e della magistratura, potrebbe essere stato gonfiato attraverso stratagemmi contabili, tra cui il risparmio sulle spese di marketing. Se così fosse Parmalat potrebbe ottenere da Lactalis fino a 144 milioni di dollari di sconto.

Sull'operazione ha acceso un faro la Procura di Parma che ha indagato per appropriazione indebita sei amministratori di Parmalat. Il sospetto è che l’operazione tra parti correlate - la maggioranza del Cda è espressione di Lactalis - sia servita per trasferire la liquidità di Collecchio ai francesi, indebitatisi per alcuni miliardi di euro in occasione dell’opa su Parmalat.
Il tribunale di Parma, oltre a chiedere la sostituzione di due sindaci e due amministratori sospettati di non aver operato correttamente, ha affidato a un commissario il compito di vigilare sul Cda affinchè venga fatto tutto il necessario per chiedere a Lactalis, se del caso, la rettifica del prezzo pagato nel 2012. Anche la Consob, che su Parmalat ha in corso un’ispezione, ha tenuto alto il pressing sulla società avviando un procedimento sanzionatorio verso il collegio sindacale e chiedendo a più riprese chiarimenti sui conflitti di interesse che hanno coinvolto i protagonisti dell’operazione, inclusa Mediobanca, finanziatrice di Lactalis nell’opa e "garante", attraverso una fairness opinion, della congruità del prezzo di Parmalat che ora traballa.
Lag non esaurirà i temi all’ordine del giorno di domani: il cda dovrà anche riapprovare il progetto di bilancio dopo la sentenza che ha imposto la restituzione della Centrale del latte di Roma al Comune capitolino.