Sei in Archivio

Italia-Mondo

E' morto Ottavio Missoni

09 maggio 2013, 12:10

 Lo stilista Ottavio Missoni è morto nella sua casa di Sumirago nel Varesotto. Lo ha reso noto la famiglia. Missoni era stato ricoverato il 1° maggio in seguito ad un malore, ed era stato dimesso dopo alcuni giorni.

Ottavio Missoni è stato per decenni un protagonista nel campo della moda del Made in Italy. Ma non tutti sanno che in gioventù è stato anche un campione di atletica: proprio attraverso questo mondo, ha avuto profondi legami con Parma, facendo parte per anni della giuria del premio Sport Civiltà.

E a Parma era venuto anche, nel 2003, in un'altra particolare veste: come sindaco del LIbero Comune di Zara, alla guida del raduno (alla Casa della musica in Piazzale San Francesco) del raduno degli esuli dalmati.

CHI ERA - Ricoverato il 30 aprile all’ospedale di Circolo di Varese per uno scompenso cardiaco e insufficienza respiratoria, Ottavio Missoni, 92 anni, era stato riportato nella sua casa di Sumirago nel Varesotto, dove oggi è morto.

Nato nel 1921 a Ragusa (ora Dubrovnik), Ottavio è cresciuto a Zara. Dai 16 ai 32 anni, ma con la parentesi della prigionia, è stato campione di atletica, nei 400 metri piani e a ostacoli: ha vestito 23 volte la maglia azzurra, ha conquistato 8 titoli italiani e l’oro ai mondiali studenteschi nel 1939. Quando ha ripreso le competizioni, è arrivato sesto alle Olimpiadi del 1948 e quarto agli europei del 1950. Ma a quel punto aveva già conosciuto Rosita e aveva anche iniziato una piccola produzione di indumenti sportivi, il nucleo di quell'attività che li porterà sulle vette della moda e nei maggiori musei del mondo. Nel 1969 costruirono lo stabilimento e la casa di Sumirago, nel varesotto, dove ancora adesso la famiglia vive e lavora, perchè i Missoni si considerano artigiani.

Ora a guidare l’azienda sono rimasti i figli Angela e Luca mentre Vittorio è scomparso dallo scorso gennaio durante un viaggio ai Caraibi al largo delle isole venezuelane di Los Roques, su quella rotta maledetta dove nel corso degli anni si sono perse le tracce di diversi aerei.

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA