Sei in Archivio

Provincia-Emilia

L'Emilia-Romagna chiederà la deroga al Patto di stabilità per i Comuni colpiti dal terremoto

10 maggio 2013, 19:43

L'Emilia-Romagna chiederà la deroga al Patto di stabilità per i Comuni colpiti dal terremoto

L'Emilia-Romagna chiederà al Parlamento di migliorare il recentissimo decreto 43 (26 aprile 2013) che ha prolungato al 31 dicembre 2014 lo stato di emergenza per il terremoto, riaprendo anche i termini per accedere al prestito da 6 miliardi per gli adempimenti fiscali delle imprese. In particolare, chiederà la deroga al Patto di stabilità interno per i Comuni colpiti.
E' stato deciso nella riunione del presidente della Regione e commissario Vasco Errani con il Comitato istituzionale per la gestione della ricostruzione, composto dai sindaci e dai presidenti di Provincia delle zone colpite. Tra le richieste anche l’eliminazione dei vincoli alle assunzioni di personale e il riconoscimento degli straordinari per permettere al personale dei Comuni di continuare ad affrontare l’emergenza dando risposte a cittadini e imprese; modifica dei criteri di proroga delle assunzioni; l’ammissione a contributo anche per le abitazioni in affitto a chi non è residente; l’estensione della copertura del prestito fiscale a tutto il 2013 (e non solo fino al 30 settembre) e l’inclusione fra i beneficiari delle imprese con gravi danni al fatturato; possibilità per le società di capitali di imputare le perdite del 2012 ai cinque bilanci successivi; l’eliminazione di ogni incertezza sulla detassazione dei contributi; un finanziamento aggiuntivo per lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani; l’autorizzazione per coprire la differenza di interessi a carico delle famiglie dovuta alla sospensione delle rate dei mutui.