Sei in Archivio

Parma

Volontari cercansi. E le aziende rispondono

13 maggio 2013, 01:23

 Nelle aziende, nel Dopoguerra,  è partita l’avventura. E dalle aziende, in un certo senso, si cerca di tornare per coinvolgere sempre più donatori sul territorio provinciale. I primi ad alzare la mano, per l’indagine «Valori in corso» sono stati Iren Emilia e Unicredit. «Durante le riunioni, i lavoratori hanno mostrato enorme interesse -  spiega Fiorella Scognamiglio, responsabile della raccolta di sangue dell’Avis provinciale -. Si sono informati, facevano domande e non si accorgevano del tempo che passava». L’invito di Fabrizio Simonini, direttore commerciale di Unicredit, è di «creare concorrenza tra le aziende - dice rivolgendosi ai responsabili dell’Avis -: così vediamo chi ha più responsabilità d’impresa». Un consiglio arriva anche da Donatella Davoli, direttore delle risorse umane di Iren Emilia: «Le persone hanno bisogno di attenzione -  osserva -: è giusto portare le informazioni direttamente in azienda». Infine, dopo gli interventi del vicesindaco Nicoletta Paci («I dati che avete presentato sono importanti e significativi») e dell’assessore provinciale alle Politiche sociali, Marcella Saccani («Bisogna concentrarsi sull’aspetto legato allo stile di vita ed essere promotori di salute»), spazio alla testimonianza del senatore del Pd Giorgio Pagliari, l’attuale donatore più attivo tra Parma e provincia: 160 donazioni in 40 anni.A.D.B.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA