Sei in Archivio

Provincia-Emilia

Bedonia: al via i lavori per l'illuminazione pubblica

15 maggio 2013, 01:37

Bedonia: al via i lavori per l'illuminazione pubblica

Giorgio Camisa

L’Amministrazione comunale di Bedonia ha appaltato alla cooperativa Citea un importante cantiere che interesserà il servizio di illuminazione pubblica e di fornitura di energia elettrica ai laboratori commerciali e alle abitazioni.
Un investimento complessivo di 700 mila euro che, in gran parte, verrà speso nel centro del capoluogo valtarese per la riqualificazione, l’adeguamento e la messa in sicurezza della rete di fornitura di corrente elettrica.
I lavori, che inizieranno nei prossimi giorni, prevedono l’eliminazione totale dei cavi aerei e la messa in opera sotto terra dell’intera linea di distribuzione, il riordino e il posizionamento delle nuove centraline di comando e di distribuzione e la sostituzione delle lampade dell’illuminazione pubblica.
Nei prossimi giorni ci saranno, quindi, i primi disagi per gli abitanti di via Serpaglio, via Brigata Julia, via Bellentani, via Raffi, via Ratti e collegate. Zone strategiche del borgo che, comunque, non resteranno isolate ed avranno vie alternative di «fuga» in caso di urgenze.
«L’Amministrazione comunale è consapevole dei disagi che possono recare operazioni di questo genere - ha spiegato il primo cittadino di Bedonia, Carlo Berni -; i lavori saranno celeri ma, in queste opere, bisogna mettere in conto anche improvvisi imprevisti dovuti a cause di forza maggiore. Di questo ce ne scusiamo anticipatamente con i cittadini. Credo, però, che un’opera così importante e, nello stesso tempo, necessaria vada accolta con lo spirito giusto: avere una rete elettrica in sicurezza e collaudata, un’illuminazione pubblica di ultima generazione e un risparmio energetico notevole farà certamente onore ai bedoniesi».
Successivamente Alberto Gedda, direttore dell’ufficio tecnico del Comune, ha illustrato il progetto e le varie fasi della realizzazione dell'opera stessa: «Non solo il centro di Bedonia è interessato a questo piano di lavoro ma anche le frazioni - ha puntualizzato -, in una seconda fase sempre compresa nell’investimento andremo a mettere in sicurezza gli impianti del territorio e cambieremo il modo di gestire gli impianti: verranno sostituite le attuali lampade con altre meno dispendiose e altrettanto ricche di luce. Inoltre useremo cavi e protezioni particolarmente garantite e a norma per evitare dispersioni e inutili sprechi di energia».
Un impianto, dunque, per mettere in sicurezza gli abitanti e le strutture del paese ma anche, e soprattutto, per rendere un servizio più efficiente senza sprechi di corrente.