Sei in Archivio

Provincia-Emilia

Fornovo - Illuminazione pubblica, si cambia. In arrivo i pali intelligenti

14 maggio 2013, 21:53

Fornovo - Illuminazione pubblica, si cambia. In arrivo i pali intelligenti


FORNOVO
Donatella Canali
Illuminazione pubblica ed energie rinnovabili sono stati tra i principali argomenti all’ordine del giorno nell’ultimo consiglio comunale.
 E’ stato infatti approvato un capitolato d’appalto, illustrato in aula dell’architetto Aldo Spina, che presenta indicazioni innovative, in particolare sul fronte del risparmio energetico e dell’utilizzo di nuove tecnologie.
Si tratta di un bando europeo, che comprende il territorio di Fornovo e di Solignano (per un valore complessivo di 3 milioni e 600 euro) che ha l’obiettivo di rinnovare completamente la pubblica illuminazione attraverso l’utilizzo di cosiddetti pali ‘intelligenti’  e multifunzione, in grado ad esempio di permettere la connettersi alla rete in modalità wi-fi.
La nuova rete punta inoltre all’estendimento della pubblica illuminazione, e quindi della sicurezza, anche a zone ora scoperte, ad esempio la pista ciclabile che collega il capoluogo a Riccò, per poi raggiungere, in un secondo tempo, anche le frazioni. «Il capitolato - ha detto Spina - rappresenta un passo in avanti sul fronte dell’integrazione del servizio, tenendo conto sia dell’aspetto gestionale che della qualità della pubblica illuminazione, proposta in termini di efficienza energetica e di ottimizzazione».
Tra i temi più dibattuti c’era poi l’approvazione del bilancio d’esercizio 2012 della società partecipata En.For, oggetto di duri scontri tra maggioranza e opposizione nelle passate settimane. A relazionare sulla situazione della società, l’assessore Francesco Rossi, amministratore delegato della stessa, e l’assessore al bilancio Paolo Valenti i quali hanno spiegato che sono quattro gli edifici pubblici che ad oggi hanno installato i pannelli: una condizione che permetterà di accedere ai crediti GSE che saranno girati alla banca erogatrice del mutuo investito nella società. Rossi ha spiegato che l’esercizio 2012 si è chiuso in pareggio grazie ad una sponsorizzazione da parte di una azienda lombarda, la Testori Energia S.R.L di Milano, che opera nel settore delle energie rinnovabili. L’accordo tra l’azienda e il Comune avrà valenza triennale e prevede una serie di iniziative e di collaborazioni, informazione e comunicazione anche nelle scuole ad esempio, rivolte allo sviluppo e alla diffusione della cultura delle rinnovabili: un confronto ed un apporto di competenze che secondo l’amministratore sarà utile anche ad En.For. «Abbiamo sempre dato conto delle vicissitudini e dei ritardi che l’avvio della società ha registrato - ha quindi detto Rossi -. Credo che la contestazione politica al progetto da parte dell’opposizione sia legittima: quello che non è accettabile è la strumentalizzazione che è stata fatta attraverso campagne denigratorie sul piano personale e morale». Enrico Vaghezzani del gruppo Il Ponte ha definito imbarazzante l’utilizzo di una sponsorizzazione: «un’alchimia finanziaria, una rincorsa ha detto - per sistemare errori evidenti». Non meno negativo il parere di Ivan Paletti di Fornovo il tuo paese. «En.For - ha affermato - ha perso nel 2010 e nel 2011 e sarebbe stato così anche per lo scorso anno se non venisse in soccorso questa società, che non credo peraltro abbia come fine sociale la sponsorizzazione. I numeri parlano chiaro: si tratta di un’esperienza fallimentare e si sta cercando di difendere l’indifendibile».
 All’ordine del giorno anche lo stanziamento per lavori di somma urgenza, riguardanti la frana su strada Prinzera di Piantonia, che rendeva impraticabile l’accesso alle abitazioni da parte dei residente. Metà della somma erogata, pari a 40.000 euro saranno a carico dei proprietari. Nel corso della seduta l’assessore al bilancio Valenti ha illustrato inoltre il rendiconto di gestione dell’esercizio 2012: «un anno positivo che ha registrato un avanzo di 360.000 euro, non abbiamo contratto nuovi mutui e a abbiamo raggiunto il 76% degli obiettivi che ci eravamo posti in campagna elettorale».