Sei in Archivio

Parma

Il Ponte a Nord? Serve una deroga del Governo

14 maggio 2013, 18:50

Il Ponte a Nord? Serve una deroga del Governo

E' durato poco meno di un’ora l’incontro fra il sindaco Federico Pizzarotti, il senatore Giorgio Pagliari e la deputata Patrizia Maestri (entrambi del Pd), e contrariamente alle aspettative, i tre non hanno affrontato il tema dell’inceneritore, oggetto di un’interrogazione presentata nei giorni scorsi da due parlamentari 5 Stelle. Occhi puntati invece sul Ponte Nord, il ponte coperto che collega via Europa e via Reggio, al momento utilizzabile solo per manifestazioni a carattere temporaneo. «Ora è solo una piazza coperta – afferma Pizzarotti al termine del faccia a faccia – ma è necessario un uso stanziale per insediare qualsiasi tipo di attività. E’ per questo che serve una specifica deroga da parte della presidenza del Consiglio dei ministri, e ora stiamo cercando di capire l’interlocutore adatto e la modalità corretta per esprimere la nostra richiesta». Se la deroga dovesse arrivare, quello di Parma sarebbe il terzo ponte abitato d’Italia, dopo Ponte Vecchio a Firenze e il Ponte di Rialto a Venezia. «E' evidente che il Ponte Nord – commenta Pagliari – è un’eredità disgraziata lasciata dalle precedenti amministrazioni. Ma invece di avere un monumento inutile buono solo per i libri di architettura è meglio cercare una soluzione a proposito di un utilizzo della struttura». Sul fronte dell’Imu e di una eventuale revisione al Patto di stabilità, il sindaco resta in attesa «di manovre da parte del governo», mentre preme affinché da Roma vengano stanziate risorse a favore del Festival Verdi. «Abbiamo già fatto due lettere di intenti con il ministero della Cultura e il ministero dell’Ambiente – aggiunge – per progetti legati a Verdi e al tema della riqualificazione energetica». Patrizia Maestri conferma il suo «massimo impegno sulle leggi che potranno interessare il Comune di Parma» e ribadisce l’intenzione di collaborare con il Movimento. «I 5 Stelle sono all’opposizione, ma fra poco inizieranno i lavori delle commissioni parlamentari, e lì ci sarà la vera occasione di confronto».P.Dall.