Sei in Archivio

Sport

Laura campionessa italiana

14 maggio 2013, 23:19

Laura campionessa italiana

Marco Masetti
Laura Boscaini è diventata campionessa italiana di nuoto paralimpico della sua categoria. Ha quasi ventiquattro anni e pur essendo parmigiana a tutti gli effetti, gareggia per i colori della Polisportiva Bresciana No Frontiere.  «Quando si è presentata in piscina a Moletolo la prima volta era piuttosto indecisa sul suo futuro agonistico – premette Davide Bonomini, presidente di Podium Nuoto - ed ha iniziato a frequentare un corso di nuoto insieme ad altri ragazzi normodotati, poi, sei mesi dopo, completamente rimotivata ha ripreso a gareggiare in ambito Finp ed i risultati sono subito giunti».  Le gare preferite quelle a stile libero dove, negli ultimi tempi ha ottenuto un miglioramento di ben dieci secondi e continua ancora a farlo. A Busto Arsizio, ad esempio, iscritta con 50"57, ha nuotato i 50 metri  in 48"23, mentre nei 100, iscritta con 1'48"00 ha chiuso in 1'47"00, oltre a distinguersi nella staffetta 4x100. Per lei titolo italiano nei 50 s.l. categoria S7 e vice campionessa italiana della doppia distanza. Ma facciamo un passo indietro, al momento in cui Laura si è avvicinata alla piscina di Moletolo, gestita da Coopernuoto s.c.s.d., per fare l’esperienza di nuotare coi normodotati e qui, accade in lei un mutamento importante, l’incontro con un nuovo allenatore e tanta gente gentile che l’ha supportata.
 «E’ grazie al percorso con Lucian che mi si è riaccesa la voglia di gareggiare, - confessa Laura, affetta da spina bifida  - quando oramai, come dissi al primo incontro, avevo gettato la spugna. Per me era una sfida, che all’inizio mi ha un po’ spaventata; una ragazza disabile inserita in un gruppo di normodotati, ma il risultato è stato ottimo».
I risultati di Laura Boscaini hanno una doppio punto di origine, le società di Parma e di Brescia che la seguono, ed i risultati si sono presto visti, coi grandi miglioramenti fatti segnare che la incitano a continuare con una motivazione importante. «Per me lo sport e in particolare il nuoto, - sottolinea Laura - sono da sempre uno strumento che mi ha permesso di dimostrare ciò che realmente sono e ciò che posso ottenere nella vita di tutti i giorni». Ed ora la mente corre già al futuro, con molti sogni e importanti progetti. Ciò a cui Laura ambisce, oltre alla laurea che la impegna molto, è ottenere la qualificazione internazionale e partecipare ad un meeting all’estero. Per fare questo bisognerà allenarsi sempre di più, ma una volta raggiunta questa determinazione, siamo certi che l’impegno serio non le sarà più un peso.