Sei in Archivio

Parma

Santa Maria del Quartiere, gioiello sconosciuto

14 maggio 2013, 14:28

Santa Maria del Quartiere, gioiello sconosciuto

Laura Ugolotti
Un piccolo gioiello  nel cuore dell’Oltretorrente che  pochi conoscono. E’ la Chiesa di Santa Maria del Quartiere, che gli abbonati alla Gazzetta di Parma, grazie all’iniziativa a loro riservata, potranno visitare sabato 18 maggio.  «L’intento – spiega Afro Orlandini, responsabile dell’Ufficio diffusione e abbonamento della Gazzetta – è dare l’opportunità ai nostri abbonati di conoscere da vicino i tesori di Parma: luoghi, chiese, musei della città a cui spesso non possiamo dedicare il tempo che meritano». «Gli abbonati hanno dimostrato un grande attaccamento all’arte, alla cultura e alla storia di Parma. La scelta di sostituire il concorso a premi con  iniziative culturali a loro riservate è stata molto apprezzata: ci permette di premiare tutti loro, non solo alcuni, con qualcosa che ha un valore importante, non solo economico».
Che l’iniziativa sia stata apprezzata lo dimostrano i numeri. Centinaia di parmigiani hanno già preso parte alle prime tre visite (Teatro Farnese, Galleria Nazionale,   Villetta) e ne sono rimasti entusiasti.
Questo mese il percorso  si sposta verso l’Oltretorrente. Tra tutti i tesori dell’Oltretorrente, dall’Annunziata all’Ospedale Vecchio (che sarà una delle prossime mete dell’iniziativa per gli abbonati), grazie anche alle indicazioni degli esperti dell’Associazione guide turistiche di Parma e provincia, ne è stato identificato uno: la Chiesa di Santa Maria del Quartiere. Non è la chiesa più famosa della città, non è una meta usuale per i turisti eppure merita assolutamente una visita.
«E’ una struttura atipica, insolita – spiega Maura Rossi, dell’Associazione guide turistiche - che racchiude stili storici differenti. La sua realizzazione per i Farnese significava valorizzare la corte ma anche il legame dei Farnese con l’ortodossia della Chiesa».
Per tutta la giornata di sabato 18 maggio gli abbonati potranno conoscerla da vicino, divisi in piccoli gruppi e accompagnati dalle guide a loro riservate: un gruppo di esperti che sapranno raccontare i luoghi e la loro storia, arricchendoli con aneddoti, curiosità e con quell’entusiasmo tipico di chi ha la passione per l’arte e per la città di Parma; la stessa passione che accomuna anche i molti abbonati per cui è stata pensata questa iniziativa.
La presenza di una guida personale a disposizione è un valore aggiunto dell’iniziativa, un piccolo regalo che Gazzetta di Parma ha voluto fare ai propri lettori per fare in modo che ogni vista sia ricca e particolare. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA